Economia

La mannaia del fisco si abbatte sulle escort di Vicenza

Quattro su 19 delle prostitute coinvolte nell'inchiesta della guardia di finanza su un locale di lap dance vicentino hanno versato 91mila euro al fisco: un decimo di quanto dovuto, secondo i dati sul tenore di vita

Hanno pagato un decimo di quanto dovuto, hanno pagato in quattro su 19, ma hanno pagato: le escort coinvolte nell'inchiesta del 2009 della guardia di finanza di Vicenza su un locale di lap dance, dove le ragazze facevano anche servizi "extra", hanno iniziato a saldare il loro debito con il fisco, con un acconto di 91mila euro. 

Secondo quanto riporta Il Corriere del Veneto, l'indagine aveva appurato che le "ballerine" sostenevano un tenore di vita da milionarie, con tanto di auto di lusso, appartamenti, barche. Proprietà difficilmente conciliabili con le dichiarazioni dei redditi presentate con lo stipendio del locale. I militari hanno accertato un milione e 650 mila euro di imponibile non dichiarato. Delle quattro che hanno iniziato a versare le rate al fisco, due sono vicentine, una bresciana ed una brasiliana residente a Milano. Delle altre 15 si sono, al momento, perse le tracce. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mannaia del fisco si abbatte sulle escort di Vicenza
VicenzaToday è in caricamento