rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Economia Mason Vicentino

Brenta Pcm, 120 posti a rischio: proclamato lo stato di agitazione

La mobilitazione è prevista per mercoledì 15 giugno, dalle ore 13:30 alle 14:30

Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil di Vicenza congiuntamente alla rappresentanza sindacale unitaria (RSU) hanno proclamato lo stato di agitazione permanente dei lavoratori e delle lavoratrici della Brenta PCM Spa con una assemblea-sciopero che si svolgerà mercoledì 15 giugno dalle ore 13:30 alle ore 14:30.

"Dal fallimento di Plastic Forming - spiegano i sindacati - si è passati all’affitto di ramo d'azienda da parte di Brenta PCM. Ed ora ad un passo del termine del contratto di affitto come una doccia fredda arriva da parte di quest'ultima la richiesta ed il relativo accoglimento di una procedura di concordato preventivo”.

“Nel mezzo si era paventato uno spiraglio di luce grazie al fattivo interessamento da parte di WorkPlastic - continuano - e si prospettava la possibilità di una continuità industriale ed occupazionale volta a garantire il futuro di 120 lavoratori e delle loro famiglie. L’adire alla procedura concorsuale ha provocato il congelamento di qualsiasi opzione percorribile volte a garantire la continuità industriale di un'impresa leader nel settore della componentistica automotive. A nulla sono valse le decine di incontri sviluppati dalle organizzazioni sindacali dalle RSU Aziendali con l'interessamento fattivo della Regione del Veneto attraverso l'unità di crisi dell' assessorato al lavoro”.

“Siamo di fronte ad una situazione complicata - concludono - nella quale riteniamo che solo attraverso lo sforzo comune dei lavoratori, della comunità, delle istituzioni e non ultimo degli imprenditori direttamente coinvolti, potremmo giungere ad un nuovo percorso industriale di successo e di rinnovata competitività aziendale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brenta Pcm, 120 posti a rischio: proclamato lo stato di agitazione

VicenzaToday è in caricamento