Le mani sulla città: L'ex caserma Borghesi

Da 22 anni lo stabile in via Borgo Casale è in totale abbandono, è passato da un ente all'altro, ma non è stato dimenticato. C'è una proposta da H-Farm: chi sono e cosa vogliono

Era il 31 luglio del 1996 quando il tricolore scese per l’ultima volta dal pennone del comando provinciale militare di Vicenza. Nessuno ancora sapeva che fine avrebbe fatto la caserma Borghesi, per i vicentini più simbolo di “naja” che altro. Alle porte del centro della città del Palladio, per oltre vent’anni è rimasta in balia del tempo, delle occupazioni e dei senzatetto. E oggi? Che fine farà questo presidio di un tempo passato, al momento sede di una mostra, vestito e rivestito di una nuova utilità  mai andata a buon fine

Di mano in mano


È dal 2004, da quando l’allora presidente della provincia Manuela Dal Lago decise di comprare l’ex complesso militare dismesso dal governo Berlusconi nel 2000, che il sogno di un polo di sviluppo acquisì progettualmente anche una mensa per gli studenti dell’università. Un servizio fondamentale per riuscire a raddoppiare il numero di studenti e dare quindi alla città nuova linfa sotto vari aspetti, da quello economico a quello culturale.

Nel 2010, l’intera struttura passa sotto la gestione della Fondazione Studi Universitari, composta nel suo consiglio di amministrazione da rappresentanti del comune, della provincia e della camera di commercio. Un comodato d’uso che doveva portare a una svolta decisiva per una struttura che stava iniziando a diventare uno dei tanti “casi” di stabili inutilizzati.

Ma se la burocrazia è un cappio, a volte, la politica volente e nolente è il nodo dello stesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È Achille Variati a gestire il mazzo di carte del potere in questo caso, sia come sindaco che come presidente della Provincia. Un potere che ha esercitato fino a pochi giorni prima della fine del suo secondo mandato, accogliendo e presentando al consiglio della fondazione una lettera d’intenti della H-farm Spa, una delle principali società di digital economy in Italia. 
Ma cos’è nello specifico l’H-farm e cosa ha proposto ad un consiglio d’amministrazione che avrebbe visto, ad uno ad uno, i suoi volti cambiare nell’arco di qualche mese? 

Cos'è e chi è H-Farm?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo passati a rischio elevato, lunedì inaspriremo le regole»

  • Condizionatori e Coronavirus: consigli su come igienizzarli

  • Coronavirus, nuovo focolaio nel Vicentino: 4 i casi accertati, massiccio piano di isolamento

  • Nuovi focolai in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Le vacanze si trasformano in tragedia, mamma 44enne muore mentre fa snorkeling

  • Parkour in stazione: 20enne trovato morto sul tetto di un treno

Torna su
VicenzaToday è in caricamento