menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assunzioni stabili nella sanità pubblica e nelle case di riposo: monta la protesta nel Vicentino

L'Usb proclama due ore di sciopero per la giornata di venerdì, con sit-in davanti al San Bortolo

"Nonostante gli sforzi che a volte hanno del miracoloso da parte di medici, infermieri, oss e tutto il rimanente personale,il nostro tanto decantato modello sanitario veneto, esempio di eccellenza mondiale, si sta sciogliendo come neve al sole". A parlare è l'Usb che reclama il diritto alla saluto e al reddito.

"Gli ospedali non riescono più a garantire le prestazioni no Covid - spiegano in una nota - le case di riposo tornano a essere trappole mortali, con l’aumento del tasso di mortalità e un impatto devastante sull’aspettativa di vita nel medio e lungo periodo; servizi territoriali smantellati negli anni (vedi SISP e Distretti), i posti letto tagliati, gli ospedali e i distretti chiusi (o ridotti a locali amministrativi), prestazioni sanitarie pubbliche ridotte in favore delle convenzioni con privati, mancate assunzioni negli ospedali e nelle Ipab".

"Stanno fallendo i sistemi di tracciamento e collassando i Ps - continuano - e le altre divisioni ospedaliere coinvolte, medici, infermieri e oss sono di nuovo alle prese con carichi di lavoro insostenibili, con  orari di 12/14 ore e  7 giorni su 7  mentre aumentano i casi di contagio tra gli operatori - e continuano a non essere garantite le condizioni di lavoro in sicurezza, Medici e infermieri di ospedali mandati nelle Ipab a sostituire il personale colpito dal Covid, dove esistono pure  carenze di sistemi  di protezione".

"Un'epidemia che a primavera mette in ginocchio tutti - sottolineano - un'estate di tregua interpretata come fine pandemia. Non vogliamo trovarci di fronte alla  scelta di se morire di Covid o morire di fame. Per uscire dalla pandemia servono assunzioni stabili e il rafforzamento e la ricentralizzazione della sanità pubblica, sottraendola alle guerre territoriali dei governatori; occorrono una medicina territoriale funzionante, dipartimenti di prevenzione efficienti, DEA rafforzati, più posti letto e la garanzia delle prestazioni no Covid. Le richieste della garanzia del reddito e del diritto alla salute marciano di pari passo". 

Per tutti questi motivi, l'Usb annuncia la mobilitazione in programma venerdì, dalle 11 alle 13 davanti all'ospedale di Vicenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lotto, raffica di vincite con la stessa combinazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento