Lavoratori di mense e pulizie scolastiche senza stipendio e ammortizzatori sociali

A Vicenza Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno incontrato il Prefetto per protestare contro la situazione drammatica che riguarda oltre 600 dipendenti vicentini

È una situazione di stallo asfissiante quella che stanno vivendo oltre 600 lavoratori vicentini delle mense e dei servizi di pulizia negli istituti scolastici. Per loro infatti la copertura degli ammortizzatori sociali a seguito della chiusura delle scuole è ormai scaduta; non solo: molti di loro sono senza alcun tipo di reddito da 3 mesi a causa del grave ritardo nella liquidazione dell’indennità da parte dell’INPS e della mancata anticipazione dell’assegno ordinario da parte delle rispettive ditte. E come se non bastasse, ad oggi non c’è nemmeno alcuna certezza circa se e quando potranno riprendere a lavorare.

Un dramma economico contro il quale Fisascat Cisl, Filcams Cgil, e Uiltucs Uil hanno protestato, incontrando il Prefetto di Vicenza mercoledì, in occasione della giornata nazionale di mobilitazione appositamente indetta dalle organizzazioni sindacali.

«In Prefettura - spiega Matteo Bocchese, della segreteria provinciale di Fisascat Cisl - abbiamo ribadito la nostra preoccupazione per la situazione in cui versano tutte le lavoratrici e lavoratori del comparto. Oltre il danno la beffa, dopo più di tre mesi senza stipendio, dovranno affrontare l’estate in sospensione scolastica. Abbiamo chiesto a gran voce che le istituzioni si facciano carico della copertura economica anche per questo periodo».

«Tra i nostri obbiettivi - aggiunge Fabio La Russa della Filcams Cgil - ci è che le aziende possano anticipare l’assegno ordinario Fis ai dipendenti, affinché possano avere una copertura di reddito, se pur minima, vista la tutela minima i inesistente degli ammortizzatori sociali sul settore».

Un tema più ampio sul quale interviene anche Roberto Frizzo per Uiltucs Uil: «Nel ringraziare l’ attenzione della Prefettura di Vicenza nella persona della dott.ssa Carletti per la volontà espressa di trasmettere ai competenti Organi le nostre istanze, come Uiltucs siamo a rimarcare come sia quanto mai necessario superare i limiti dell’ attuale normativa sulla cassa integrazione legata al ricorso agli ammortizzatori sociali da parte della committenza e ancor più la durata che deve arrivare almeno alle 27 settimane di copertura, come richiesto anche dalle organizzazioni sindacali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • L'appartamento brucia e si lanciano dal 2° piano: mamma e figlio in ospedale, gravissimo il padre

  • Strano ma vero: rapporto troppo focoso, trentenne si frattura il pene

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento