Economia Schio

Schio, corso di saldatura per sole donne tutto esaurito

"Good job girl", il corso di saldatura per sole donne organizzato da Megahub e Starfish di Schio che parte martedì, ha già esaurito i posti. Oltre al successo sono arrivate le accuse: "Perchè non anche per i maschi?"

Grande successo per il corso di saldatura "Good job girl" organizzato a Schio da Megahub e dal collettivo Starfish. A pochi giorni dal lancio dell'iniziativa, sulla pagina FB del collettivo, i posti per le due sessioni di martedì e giovedì sono già esauriti. Un po' per curiosità, un po' per orgoglio femminile, un po' magari anche per la crisi, tutte pazze per cannello e mascherone, altro che bikini e nail art. 

"L'idea che una ragazza non sia capace di saldare è talmente radicata dentro alle persone che a volte pensiamo quasi sia vero. La saldatura è sempre stata un mestiere e una competenza dei maschi, ma perché le cose non possono cambiare? E' vero, nelle fabbriche e nelle scuole professionali le donne sono spesso una minoranza, ma questo è dovuto ad una serie di stereotipi che permeano il mondo del lavoro e della formazione - spiegano gli organizzatori .  Una società che si ostina a pensare e a rappresentare il mondo della fabbrica, della costruzione, dei "lavori pesanti" come un mondo al maschile è una società escludente. Megahub ridefinisce le regole del gioco anche in questo senso e assieme al Collettivo Starfish vi propone una sfida: riappropriarsi delle conoscenze e delle competenze che sessismo e luoghi comuni hanno tolto a una parte delle persone".

L'evento, però, ha suscitato anche alcune polemiche, legate alla discriminazione di sesso sui partecipanti (il corso è esplicitamente per sole donne): "Ci abbiamo pensato per mesi prima di farlo, non è stata una decisione semplice e ci sono state persone che ci hanno criticate. Io stessa non ho la certezza totale - spiega Rosita Pederzolli, del collettivo Starfish - Alla fine abbiamo deciso di farlo perché le richieste che ci erano giunte erano tante. Pensiamo che sia un punto di partenza, non certo di arrivo. è necessario creare luoghi e spazi di espressione e creazione di competenze che permettano anche a chi non l'ha mai fatto prima di accedere a competenze che prima era impensabile avere, in questo caso la saldatura, i lavori "pesanti", etc. Purtroppo il privilegio causa anche questo, che una parte si debba ritagliare uno spazio".

"Ovviamente noi lavoriamo e lavoreremo sempre per l'inclusione e per dei corsi di saldatura senza bisogno di specificazione di genere  - conclude Rosita - Ma la strada verso l'uguaglianza è lunga e ha in sé delle tappe di giustizia che sono importanti e non possono essere tralasciate. Questo corso è un messaggio per le ragazze: queste cose sono anche per voi, riprendetevele! Nella speranza, sia chiaro, che un giorno non sia nemmeno necessario dirlo"
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schio, corso di saldatura per sole donne tutto esaurito

VicenzaToday è in caricamento