rotate-mobile
Economia

I ristoratori veneti: «Pos, via le commissioni bancarie e il canone»

L’associazione Ristoratori Veneto & Ho.Re.Ca invita i clienti a preferire i contanti

«Il legislatore ci obbliga ad accettare questo sistema di pagamento scaricando ogni costo su di noi. Riteniamo allora che le commissioni bancarie e il canone Pos vadano aboliti. E nell’attesa inviteremo i nostri clienti a preferire il pagamento tramite contanti».

È questa la posizione dell’associazione Ristoratori Veneto & Ho.Re.Ca., portavoce di migliaia di attività in tutta la Regione, dopo che è scattato l’obbligo per tutti i commercianti di accettare anche i pagamenti col Pos. «il Pos – le parole di Alessia Brescia, portavoce dell’associazione -, di cui tutte le nostre attività erano già dotate, prevede costi molto alti per l’esercente: oltre all’installazione che può arrivare fino a 100 euro e al canone mensile che può variare dai 10 ai 50 euro, ci sono le commissioni, che su un caffè possono toccare l’1.9% e in generale fino al 4%». I costi della nuova regola ricadono interamente sulle nostre spalle: l’ennesimo capitolo di vessazioni cui, a differenza delle multinazionali, sono sottoposte le piccole e medie imprese».

L’associazione rimarca anche come «il messaggio sulla nuova regola si presta a fraintendimenti: il pagamento in contanti è ancora possibile e tramite un cartello apposito noi inviteremo i clienti a preferire quel metodo, che oltre all’emissione dello scontrino fiscale non prevede ulteriori costi-extra come nel caso del Pos».

Ribadiscono infine da Ristoratori Veneto, riprendendo un problema sollevato già nel 2020, come vada abolita anche «la lotteria degli scontrini: una misura introdotta in piena emergenza per favorire l’uso del pagamento elettronici tracciabili ma del tutto inutile dal punto fiscale: già con il cashback è disincentivato l’uso del contante».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I ristoratori veneti: «Pos, via le commissioni bancarie e il canone»

VicenzaToday è in caricamento