A rischio un milione di pecore: la solidarietà dei vicentini

La solidarietà per la protesta dei pastori sardi contro l'abbassamento del prezzo del latte arriva anche a Vicenza con il "Pecorino Day". Quello berico è infatti uno dei quattro mercati italiani scelti per sensibilizzare i cittadini su quanto sta succedendo in Sardegna

Un gregge di pecore (foto da Facebook)

Grande partecipazione ed interesse domenica mattina al mercato coperto di Campagna Amica in contra’ Cordenons 4 a Vicenza, in occasione del Pecorino Day. Vicenza, infatti, è stata scelta come uno dei quattro mercati italiani per sensibilizzare i cittadini consumatori rispetto a quanto sta accadendo in Sardegna.

“Il pecorino è un formaggio straordinario – spiegano il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola ed il direttore Roberto Palù – ma il prezzo pagato al produttore è insufficiente a ristorare chi lavora e si assume il rischio d’impresa. Così sono sempre più le aziende che chiudono i battenti. Ed il rischio di perdere oltre un milione di pecore è sempre più vicino. E con la perdita di questi animali viene meno un patrimonio importante di biodiversità ed una produzione di nicchia che contribuisce a far grande il nostro Paese nel mondo”.

 Al mercato coperto di Campagna Amica a Vicenza i consumatori hanno dimostrato questa mattina grande interesse per le produzioni dell’azienda agricola Aidi di Marano Vicentino, che si è resa disponibile per l’iniziativa. “Siamo orgogliosi di essere qui oggi – commenta il titolare Flavio Sartore – perché amiamo il nostro lavoro e, pur nella consapevolezza di essere piccoli e pochi, continuiamo a lavorare con amore e passione, perché non vogliamo che si perda la nostra storia”.

LA STORIA DEL PECORINO A VICENZA

Un tempo l'Asiago si chiamava “Pegorin”, perché veniva prodotto con il latte di pecora, dato che le nostre malghe erano caricate con le pecore dai tempi di Plinio il Vecchio. Successivamente, per ordine dei vescovi Padova, si diffuse l'allevamento in Altopiano, da cui deriva uno straordinario esempio di biodiversità: la pecora di Foza. L’iniziativa di Coldiretti mira a salvare le 6,2 milioni di pecore sopravvissute in Italia e dare un futuro ad un mestiere antico, ricco di tradizione, che consente anche la salvaguardia di razze in via di estinzione a vantaggio della biodiversità del territorio.

Secondo una recente indagine Doxa, più di un italiano su dieci inserisce il pecorino nella lista dei formaggi preferiti ed è immancabile in molti primi piatti storici, dal cacio e pepe alla carbonara, dalla gricia al pesto alla genovese fino alla pasta alla pecorara. Ma arricchisce anche secondi piatti soprattutto in frittate e polpette e non manca nei dolci, come nelle pizze salate di Pasqua, senza dimenticare l’irrinunciabile abbinamento fave e pecorino tradizionale per la Festa dei lavoratori.

L'EMERGENZA IN SARDEGNA

Meno di 60 centesimi al litro. Questo il prezzo del latte di pecora che ha fatto scendere in strada i pastori sardi, 'schiacciati' e costretti a chiudere a causa di una concorrenza per loro insostenibile. Un prezzo che non sarebbe soltanto ridicolo, ma anche illegale secondo quanto denuncia la Coldiretti. Una situazione che sta spingendo alla chiusura i 12mila allevamenti della Sardegna dove pascolano 2,6 milioni di pecore, il 40% di quelle allevate in Italia, che producono quasi 3 milioni di quintali di latte destinato per il 60% alla produzione di pecorino romano (Dop).

A Cagliari, al tavolo del prezzo del latte, è spuntato un accordo in extremis che prevede come acconto per il conferimento del prodotto 72 centesimi al litro, Iva compresa. I pastori chiedono di arrivare a un euro e il Governo sta definendo in queste ore, dopo che gli allevatori hanno accettato una tregua di tre giorni della mobilitazione, di arrivare al prezzo richiesto attraverso interventi con fondi statali e regionali. 

La protesta dei pastori sardi, così come di tutti i produttori di pecorino, è un fatto sociale. “Siamo dalla parte dei pastori sardi e dei piccoli produttori – concludono Cerantola e Palù – perché comprendiamo bene le loro difficoltà, che sono le stesse che abbiamo vissuto un anno fa, quando il prezzo del nostro latte aveva toccato il minimo storico, arrivando al di sotto del 25 centesimi. Ora è il turno della Sardegna, ma il principio resta lo stesso: non viene riconosciuta la dignità del lavoro agricolo e degli allevatori. Una tendenza che Coldiretti sta facendo di tutto per invertire. Gli sforzi sono molti, i risultati lenti ad arrivare, ma ci crediamo fermamente e per questo continuiamo a lottare”.

Protesta del latte, intesa vicina: al tavolo con Centinaio ipotesi di accordo a 72 centesimi al litro come acconto - REPUBBLICA - Domenica 17 Febbraio 2019 09:20

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento