rotate-mobile
Economia

Popolare di Vicenza, in borsa le azioni varranno 10 euro

La svalutazione del 23% attuata in aprile non è che l'antipasto del crollo del valore delle azioni della Banca Popolare di Vicenza in vista della quotazione in borsa. Secondo advisor e analisti impegnati nel processo pre-quotazione il prezzo di mercato sarà di 10, 12 euro

Brutte notizie per gli azionisti della Banca Popolare di Vicenza. Quando l'istituto di credito berico verrà quotato in borsa, le azioni potrebbero valere 10, 12 euro, un sesto del valore che avevano fino all'aprile scorso. 

Secondo Il Sole 24 Ore, "il valore teorico dell'azione dopo la pulizia del bilancio è di circa 30 euro e con lo sbarco in Borsa della prossima primavera la Popolare si allineerà ai multipli in uso per le banche quotate che oggi girano attorno a 0,7 volte il patrimonio netto. Quei 30 euro di valore per singola azione scenderanno inevitabilmente a poco più di 20 euro. Ma il calcolo ahimè non tiene conto del fatto che il patrimonio netto tangibile della banca in questo momento è di soli 2 miliardi e quindi gli attuali soci hanno in mano un'azione che, valutata ai multipli di Borsa, non vale più di 14 euro. E addirittura advisor e analisti impegnati nel processo pre-quotazione indicano in 10-12 euro il prezzo di mercato dell'azione".


"Per un istituto che faceva in media circa 100 milioni di utili netti l'anno - analizza il quotidiano economico -  le maxi-rettifiche imposte tra il 2014 e il 2015 danno il senso della gestione disinvolta di crediti malati tenuti a bilancio come se fossero recuperabili. (...). In fondo a Vicenza si è operato per anni uno scambio perverso tra banca e soci. La pratica del finanziamento accompagnato dall'acquisto di azioni era assai utile alla banca, dato che più crediti elergivi più ti capitalizzavi. E a caro prezzo per i soci dato che il valore dell'azione era crescente nel tempo. E guarda caso Vicenza era tra le poche banche italiane che ha aumentato gli impieghi durante la crisi. Impieghi tanti, ma dati male, dato i livelli di sofferenze accumulate. Ora il Re è nudo e il conto salatissimo lo pagano i vecchi soci e la banca che senza aumento di capitale non può andare avanti a operare".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Popolare di Vicenza, in borsa le azioni varranno 10 euro

VicenzaToday è in caricamento