rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Economia

Popolare di Vicenza, il piano "lacrime e sangue": altri 200 esuberi

I sindacati hanno fatto sapere che gli esuberi saranno 575, tra il vecchio piano e quello varato nelle scorse ore. E' prevista anche la cessione della Società di servizi bancari. Iorio: "Capitalizzazione difficile ma non impossibile"

Come si temeva, non saranno solo gli azionisti a pagare per l'aumento di capitale della Popolare di Vicenza. La mannaia della razionalizzazione si sta per abbattere anche su quasi 600 dipendenti. Nel piano al 2020 della banca berica e' prevista anche la cessione della Societa' di servizi bancari del gruppo (Servizi bancari Spa). Lo riferiscono fonti sindacali.

"La ricapitalizzazione sara' difficile ma non impossibile" avrebbe commentato l'aumento di capitale di 1,5 miliardi l'amministratore delegato Francesco Iorio, presentando il piano industriale ai sindacati di categoria. Il banchiere ha poi spiegato che la governance della banca andra' rinnovata entro giugno del 2016. Per l'istituto sono previste inoltre 180 assunzioni. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Popolare di Vicenza, il piano "lacrime e sangue": altri 200 esuberi

VicenzaToday è in caricamento