rotate-mobile
Economia

I sindacati promuovono il Pum: "Verso una mobilità avanzata"

"Riteniamo che le linee di indirizzo espresse dal PUM vadano in direzione di una mobilità pubblica avanzata" dichiarano Cgil, Cisl e Uil in un comunicato unitario

Il comunicato unitario dei sindacati sul Piano urbano per la mobilità:

Riteniamo opportuno, come confederazioni sindacali del territorio, intervenire nel dibattito in corso sul PUM in questi giorni, per richiamare tutti i soggetti coinvolti dalle polemiche alla giusta responsabilità, che va esercitata per rispetto dei cittadini e dei lavoratori. Anche noi, come le altre Associazioni di categoria, siamo portatori di interessi e in primis degli interessi del mondo del lavoro. Crediamo vada fatto tutto il possibile per salvaguardare e promuovere l’occupazione in tutti i settori, anche in quello del commercio. Le politiche dell'amministrazione cittadini devono essere orientate in questa direzione.

Tuttavia riteniamo sia necessario per tutti abbandonare lo spirito corporativo, e assumere uno sguardo strategico e di prospettiva, condividendo una visione della città che risponda ai lavoratori (attuali e anche futuri), ai cittadini e a tutti gli utenti del servizio pubblico locale. I beni comuni da tuetale con priorità sono la qualità della vita e dell’aria, lo sviluppo di una mobilità urbana moderna, efficiente, sostenibile, eco-compatibile, centrata sui mezzi alternativi all'auto. E’ con quest’ottica che abbiamo analizzato il PUM, tenendo a mente le esperienze delle più avanzate città europee, dove il mezzo di trasporto pubblico è puntuale, rapido, leggero, ecologico e la ciclabilità urbana avanzata. Riteniamo che le linee di indirizzo espresse dal PUM vadano in questa direzione. Se così non fosse il trasporto pubblico sarebbe destinato rapidamente a declinare con gravi conseguenze per i lavoratori, per chi ha bisogno del mezzo perché non automunito, per l’ambiente.

Il PUM può essere uno strumento flessibile e anche noi e i nostri Rappresentanti Sindacali in Aim Mobilità abbiamo presentato e presenteremo le nostre osservazioni con spirito costruttivo. Ma la filosofia va salvata. Chiediamo quindi a Confcommercio, per la sua responsabilità e l'importanza del suo ruolo, di assumere un atteggiamento costruttivo e propositivo, e proponiamo di promuovere un tavolo con il sindacato confederale e gli amministratori locali per affrontare le problematiche dei consumi, legate, ahinoi, molto più al calo di disponibilità economica delle persone che alla facilità di raggiungimento dei negozi con i mezzi privati.


I Segretari generali di CGIL CISL UIL Vicenza Marina Bergamin Gianfranco Refosco Grazia Chisin

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sindacati promuovono il Pum: "Verso una mobilità avanzata"

VicenzaToday è in caricamento