Morti sul lavoro, sindacati: "Bisogna fermare questa tragica sequenza di infortuni”

Per Fim, Fiom e Uilm le soluzioni sono nella “piattaforma della sicurezza” già proposta da tempo alla Regione Veneto e alle associazioni imprenditoriali

Dopo l'ennesimo infortunio sul lavoro che è costato la vita ad un 35enne padovano, dipendente di un’azienda esterna impegnata in opere di manutenzione nel cantiere della Agco spa di Breganze nella mattinata di lunedì, intervengono i sindacati.

“Ancora una volta si apre la questione appalti - dicono Morgan Prebianca di Fiom-Cgil, Stefano Chemello di Fim-Cisl e Carlo Biasin di Uilm-Uil – Come organizzazioni sindacali lo evidenziamo da tempo e lo abbiamo messo tra i punti di intervento al tavolo neocostituito nei mesi scorsi presso la prefettura di Vicenza. Un tavolo che coinvolge tutti i soggetti interessati alla sicurezza tra cui le associazioni datoriali e gli organi di controllo pubblico”.

E aggiungono: “Bisogna fare presto, bisogna mettere in atto tutte le azioni per provare a fermare questa tragica sequenza di infortuni”. Per Fim, Fiom e Uilm le soluzioni sono nella “piattaforma della sicurezza” già proposta da tempo alla Regione Veneto e alle associazioni imprenditoriali, "Ormai non è più tempo di parlare o discutere ma agire".

“Per fare prevenzione bisogna istituire la rilevazione dei “mancati infortuni”, attivare i Break formativi e consolidare la formazione e l’informazione fatta ai lavoratori che deve essere costante e ripetuta nel tempo - spiegano i tre sindacalisti -. E’ assolutamente necessario potenziare il ruolo degli Rls e Rlst, rappresentanti dei lavoratori sulla sicurezza, e incrementare nel contempo la collaborazione sinergica con gli Spisal".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A proposito dello Spisal, Biasin, Chemello e Prebianca pongono l’accento sul loro rafforzamento e sull’urgenza di potenziare gli organici. Assunzioni già da tempo previste nel Piano Strategico regionale su Salute e Sicurezza. "A seguito di questo ennesimo tragico evento, come Fim Fiom e Uilm Vicenza proseguiremo con la campagna di sensibilizzazione sul tema Salute e Sicurezza sul Lavoro con i lavoratori di tutte le aziende vicentine” concludono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dove gustare il miglior gelato: le top gelaterie di Vicenza e provincia

  • Tragedia sulle Gallerie del Pasubio: giovane precipita e muore dopo un volo di 150 metri

  • Al Palladio aprirà un cinema: il video della nuova sala super lusso

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: ecco come si vota

  • Anziano pestato in periferia, l'ira di Presidio Vicenza

  • Alunna positiva al Covid-19, scatta il protocollo: classe in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento