Aziende chiedono di riaprire, Fiom pronta allo sciopero: "Rispettate protocollo sicurezza"

“Serve un atto di responsabilità degli imprenditori, è assolutamente necessario non pensare sempre e solo ai bilanci”, dichiara Morgan Prebianca, segretario Fiom-Cgil Vicenza

“Sembra più un assalto alla diligenza piuttosto che la salvaguardia della salute di tutti”. Non ci sta Morgan Prebianca, segretario generale della Fiom-Cgil Vicenza, alla notizia che sempre più aziende presentano domanda di deroga al prefetto per poter riaprire, pur non essendo attività essenziali.

“A Vicenza siamo arrivati ormai a circa 3mila domande, intasando anche le istituzioni – evidenzia -. Dove è la responsabilità di Confindustria? Sta invitando i suoi associati a chiedere la deroga e, in contemporanea, continua a fare appelli, spingendo per le riaperture. E mettendo in secondo piano la salute dei lavoratori, dei cittadini, di tutti noi”. 

Il segretario, inoltre, pone l’accento sul fatto che, se si continuerà a non rispettare le regole ed a chiedere deroghe, sarà sempre più complicato bloccare la pandemia: “Serve un atto di responsabilità degli imprenditori, è assolutamente necessario non pensare sempre e solo ai bilanci. Certo arriverà il momento di farlo ma non è adesso”. 

“Inutile che le aziende affermino che il protocollo su salute e sicurezza firmato tra Cgil, Cisl e Uil, Confindustria e Governo viene rispettato – prosegue -. Esaminando con attenzione i fatti poi risulta che ci sono imprese, come la Salvagnini di Sarego, che invia in trasferta i propri tecnici. La giustificazione è sempre la stessa, dicono di aver presentato domanda di deroga. Eppure il protocollo parla chiaro: nessuna trasferta, non c’è deroga che tenga”. 

Insomma rispettare le regole sembra troppo difficile per le aziende che badano solo ai propri profitti, senza pensare che ci sono esseri umani che lavorano e non numeri o robot. “ E’ inaccettabile il comportamento di Confindustria che suggerisce e assiste gli associati per le domande. E’ inaccettabile che continui a contrastare lo stop. Si ripartirà al momento opportuno”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed annuncia: “Come Fiom dichiariamo lo stato di agitazione e in tutte le aziende dove non sarà rispettato il protocollo dichiareremo, senza esitazione, lo sciopero. La salute e la vita di un lavoratore vale più di qualche euro di fatturato. Confindustria recuperi il suo ruolo sociale, pensi alle responsabilità che hanno le aziende nei confronti del territorio e chi ci abita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulle Gallerie del Pasubio: giovane precipita e muore dopo un volo di 150 metri

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: ecco come si vota

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Alunna positiva al Covid-19, scatta il protocollo: classe in quarantena

  • L'appartamento brucia e si lanciano dal 2° piano: mamma e figlio in ospedale, gravissimo il padre

  • Strano ma vero: rapporto troppo focoso, trentenne si frattura il pene

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento