Economia

Emergenza povertà in Veneto: +22% chi non può permettersi i farmaci

La conseguenza di questo forte aumento della povertà sanitaria è ben visibile nella crescita sensibile della richiesta di farmaci, che ha superato le 74.000 confezioni nel 2015 con una crescita di oltre il 15%. Sabato la Giornata della raccolta del famaco

Nelle sette province del Veneto sono oltre 45.000 le persone in stato di disagio economico e sociale che nel 2015 si sono rivolte ai 142 enti caritativi operativi sul territorio e convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus per avere medicinali che non possono permettersi. L'aumento rispetto allo scorso anno è del 22%. La provincia in cui è stato maggiore l’aumento di assistiti è l’area metropolitana di Venezia, dove si è passati dai quasi 1.550 ai 4.300 del 2015. La conseguenza di questo forte aumento della povertà sanitaria è ben visibile nella crescita sensibile della richiesta di farmaci, che ha superato le 74.000 confezioni nel 2015 con una crescita di oltre il 15%. Fra le persone assistite nel 2015 in Veneto dagli enti convenzionati con il Banco Farmaceutico, il 39,7% sono donne, il 56,5% sono stranieri, il 18,7% sono minorenni e il 22% sono anziani.


Sono questi i dei dati forniti dal Banco Farmaceutico presso Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale del Veneto, in occasione della conferenza stampa di presentazione della XVI GIORNATA DI RACCOLTA DEL FARMACO (GRF 2016) che si terrà in Veneto come in tutta Italia sabato 13 febbraio 2016.

In tutte le province del Veneto saranno 383 le farmacie che hanno aderito alla GRF 2016. Durante tutta la giornata, presso le farmacie che aderiscono all'iniziativa, sarà possibile acquistare farmaci da automedicazione, che saranno donati alle persone prive di risorse e in stato di povertà che in Veneto non possono permettersi l'acquisto di medicinali. La GRF 2016, è realizzata dalla Fondazione Banco Farmaceutico Onlus in collaborazione con Bfresearch, Federfarma, FOFI e CDO Opere Sociali.

“Non posso che esprimere il mio plauso a questa lodevole iniziativa che vede la farmacia vicina ai cittadini più bisognosi”, ha sottolineato da parte sua il Presidente di Federfarma Veneto Alberto Fontanesi. I dati presentati oggi – ha detto Matteo Vanzan, delegato Fondazione Banco Farmaceutico onlus Verona e Veneto – dimostrano come la crisi, soprattutto per le categorie sociali più deboli, non sia alle spalle. C’è bisogno dell’aiuto di tutti per dare una mano a chi non riesce a curarsi e sono sicuro che i cittadini veneti risponderanno con grande generosità come ogni anno”. “


Quanto sia importante per i bisognosi questa iniziativa – ha sottolineato l’assessore alla sanità della Regione Veneto Luca Coletto – lo dicono i numeri del Banco Farmaceutico 2015, che indicano chiaramente come la crisi non sia in realtà finita e come l’affiancamento del volontariato agli sforzi che sta compiendo la sanità pubblica per garantire a tutti cure perlomeno dignitose in un momento di pesanti tagli ai fondi nazionali, sia insostituibile. Come è stato negli anni scorsi – ha concluso Coletto – sono certo che il grande cuore dei veneti si farà onore anche nel 2016. Io stesso mi recherò in una delle farmacie aderenti per fare la mia parte”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza povertà in Veneto: +22% chi non può permettersi i farmaci

VicenzaToday è in caricamento