E' vicentino il "Putinphone", il nuovo must tra i milionari russi

Il "Caviar iPhone 5S Supremo Putin" costa circa 3.200 euro ed in breve tempo è già diventato l'oggetto del desiderio per i ricchi dell'ex Unione Sovietica. Lo produce la Caviar-Perla Penna, fondata da un bassanese

Il Putinphone

Il gadget più in voga tra i milionari russi è nato grazie alla sapienza di una casa orafa vicentina, la Caviar-Perla Penna, fondata dalla famiglia Giacometti.

Il "Putinphone", uno smartphone placcato oro con incisa l'effige del "nuovo zar" costa 3.200 euro e il suo nome ufficiale è 'Caviar iPhone 5S Supremo Putin' ed in breve tempo è già diventato l'oggetto del desiderio per molti dei paperoni dell'ex impero sovietico, pronti a sborsare cascate di rubli per entrare in possesso dell'esclusivo oggetto. 

"È giunto il momento di sentirsi orgogliosi e di prendere una posizione chiara senza inutili chiacchiere - dice l'azienda -. La persona più potente del mondo secondo le riviste Forbes e Time è diventata il simbolo della nuova generazione, leader della volontà e del decisionismo".  "Ogni iPhone prima viene smontato, poi dorato e messo nella camera PVD per l'applicazione di uno strato di oro dello spessore di 10 micron" spiegano. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Eclissi: 5 giugno lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Schianto tra moto sul Grappa: padre e figlia perdono la vita

  • Le norme per viaggiare in auto ancora in vigore: multe e numero di passeggeri

  • Si tuffa nel corso d'acqua ma non riemerge: inutili i soccorsi, muore 13enne

  • Coronavirus, parla il direttore istituto rianimazione di Padova: «Oggi il Covid è niente»

Torna su
VicenzaToday è in caricamento