rotate-mobile
Economia

Banche Venete, First Cisl: "Società in utile ma a rischio posti di lavoro"

Ci sarebbero oltre 700 dipendenti esclusi dal salvataggio. Intanto Adiconsum raduna gli azionisti a Vicenza

"Tenere alta la guardia per tutti gli oltre 700 dipendenti delle aziende escluse dal salvataggio delle banche venete". Lo dice il segretario generale di First Cisl Giulio Romani intervenendo in merito al personale delle imprese rimaste coinvolte nella liquidazione coatta di Veneto Banca e Popolare di Vicenza non rientranti in ciò che Intesa Sanpaolo ha acquisito. 

"Tra questi - ricorda Romani - non ci sono solo lavoratori con contratto bancario, ma anche assicurativi. Il rischio per i dipendenti è che accada loro ciò che è successo ai colleghi di Hypo Alpe Adria o le società satellite di Banca delle Marche".

Intanto sabato 15 luglio presso il Viest Hotel di Vicenza, alle ore 10, Adiconsum Veneto e Vicenza incontrano gli azionisti di Popolare e Veneto Banca per fare il punto della situazione in vista della conversione in legge del decreto 99 approvato dal governo lo scorso 25 giugno e attualmente in discussione presso l'Aula della Camera dei Deputati. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banche Venete, First Cisl: "Società in utile ma a rischio posti di lavoro"

VicenzaToday è in caricamento