Covid e locali, Confcommercio: «Metterli nel mirino paralizzerà il settore»

Disdette e calo delle prenotazioni stanno mettendo in crisi i pubblici esercizi vicentini. Per Gianluca Baratto (Fipe-Confcommercio Vicenza) “è colpa di un clima di paura ingiustificata, visti gli investimenti in sicurezza e il rispetto dei protocolli”

Un pizzaiolo vicentino

»Quello che non ha fatto il Dpcm, rischia di farlo la paura. Non ci stancheremo mai di dirlo ai nostri clienti: ristoranti e bar sono luoghi sicuri, più sicuri di una cena a casa di amici dove è difficile assicurare distanziamento sociale e uso delle mascherine. Da noi non si sgarra».

Gianluca Baratto, presidente della Fipe-Confcommercio di Vicenza (l’associazione dei baristi e ristoratori) è preoccupato per i risvolti economici di questa seconda ondata di contagi da Coronavirus.

«La salute viene prima di tutto, lo abbiamo sempre sottolineato – spiega Baratto -, ma c’è un’altra pandemia sotterranea, alimentata dallo stillicidio di cifre e pareri con cui veniamo costantemente bombardati, ed è quella del panico, che rischia di provocare la paralisi economica, con conseguenze pesanti per tutti, in particolare per le tante famiglie che dipendono dalle attività ricreative e del turismo. Noi lo vediamo dalle disdette che stanno piovendo nei nostri ristoranti e dai telefoni che stanno tornando muti. Tutto questo per un pervasivo senso di insicurezza che non è giustificato, visti i forti investimenti strutturali e organizzativi che i nostri locali hanno fatto in questi mesi. Il problema, come abbiamo visto anche negli ultimi provvedimenti, è che viene più semplice chiudere i locali, che chiudere le piazze della movida: ma così si crea solo un danno economico e non si risolve il problema reale»

In bar e ristoranti, fa presente Confcommercio, la mascherina viene tolta solo al tavolo ed è indossata da tutto il personale; tavoli e sedie sono distanziati almeno di un metro; vengono costantemente assicurati standard elevati di pulizia e sanificazione degli ambienti, vengono fissati limiti massimi di accesso alle persone.

«Per questo a nostro avviso le limitazioni di orario di bar e ristoranti – sottolinea il presidente della Fipe-Confcommercio provinciale – sono un controsenso, perché si fanno uscire le persone da luoghi sicuri, dove i comportamenti sono controllati da gestori e personale, per popolare vie e piazze dove le verifiche passano alle forze dell’ordine, che hanno ben altro da fare e non possono certo essere dappertutto. A questo punto non possiamo che chiedere a sindaci, presidenti di Regione e autorità, che prima di qualsiasi altra misura restrittiva nei confronti dei pubblici esercizi incrementino i controlli sugli assembramenti per punire i comportamenti irresponsabili e scorretti. L’obiettivo deve essere quello di ridurre al minimo indispensabile la durata delle nuove misure e a nostro avviso lo si fa controllando più fuori dai locali che dentro».

Per l'associazione, mettere i pubblici esercizi nel mirino, infatti, ha come risvolto l’allontanamento dei clienti e il crollo dei fatturati

«La nostra Federazione ha calcolato in 470milioni di euro le perdite mensili causate dall’ultimo Dpcm alle imprese del settore – conclude Gianluca Baratto –. Di fronte a queste cifre dobbiamo registrare la promessa di “ristori” da parte del premier Conte, ma bisogna fare in fretta perché le conseguenze le stiamo pagando già ora: è necessario destinare immediatamente contributi a fondo perduto per coprire i mancati incassi. In caso contrario saranno in molti che, non essendo ancora riusciti a risollevarsi del tutto dai mesi del lockdown, in questa nuova fase saranno costretti a chiudere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roberto Baggio parla per la prima volta della moglie: "Per lei non facile"

  • Coronavirus, Vicenza maglia nera come numero di positivi

  • Ressa per le scarpe Lidl, corsa all'acquisto: esaurite anche a Vicenza

  • Esce di strada con l'auto e muore sul colpo: aveva solo 25 anni

  • La terra di scavo si ribalta, 32enne schiacciato dal mezzo: vani i tentativi di rianimazione

  • Coronavirus, record di casi nel Vicentino: più di 1000 nuovi contagi in poche ore

Torna su
VicenzaToday è in caricamento