Concorso scuola straordinario 2020, 24mila posti: ci sarà la procedura semplificata

La selezione si svolgerà con questa modalità per permettere che le assunzioni avvengano entro l'inizio dell'anno scolastico 2020/2021: ecco in cosa consiste questa procedura rapida

Concorso Scuola 2020: c'è grande attesa per le selezioni pubbliche che dovrebbero portare la messa in ruolo di 50mila docenti, metà con il concorso ordinario e metà con quello straordinario, a cui non potranno partecipare gli insegnanti con meno di tre anni di servizio. Come annunciato dalla neo ministro Lucia Azzolina, la priorità è quella di permettere lo svolgimento dei concorsi senza ritardi nelle tempistiche e senza grossi cambiamenti. Ma se per il concorso scuola ordinario non ci saranno modifiche, quello straordinario avverrà con la cosiddetta procedura semplificata, vediamo di cosa si tratta.

La selezione straordinaria porterà all'assunzione di circa 24mila docenti, mentre altrettanti verranno messi in regola con quello ordinario. Per permettere uno svolgimento più rapido, la procedura semplificata prevede nella fase iniziale soltanto una prova scritta “computer based” con domande a risposta multipla. 

I candidati che totalizzeranno un punteggio di 7/10 o superiore supereranno la prova, e il risultato, unito alla valutazione dei titoli di studio, servirà per formare la graduatoria, da cui verranno estratti i 24mila nuovi assunti.

Dopo la prima fase della selezione, la seconda parte del concorso prevede una prova orale con il comitato di valutazione integrato da due commissari esterni, si svolgerà solo in un secondo momento, alla fine dell’anno di prova-formazione. I candidati che verranno bocciati alla prova orale potranno ripeterla una volta soltanto.

Esiste un requisito molto stringente per partecipare al concorso straordinario: bisogna avere almeno tre anni di servizio. Chi conclude la terza annualità nel 2019/2020 partecipa con riserva uno dei predetti tre anni deve essere specifico, ossia svolto nella classe di concorso per cui si partecipa. Potranno partecipare, anche se solo ai fini dell’abilitazione, i docenti che hanno maturato il servizio di tre anni nella scuola paritaria. Per i posti di sostegno sarà necessaria la specializzazione in sostegno. Ricordiamo infine che al concorso docenti riservato per la scuola secondaria si potrà partecipare per una sola regione, per una sola classe di concorso o in alternativa per i posti di sostegno.

fonte: Today
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Perde il controllo dell'auto e finisce contro un camion in sosta: 18enne muore sul colpo

  • Stop alle corse sulla strada del Costo: arrivano autovelox e targa system

  • Bollo auto, le novità del 2020: a chi spettano gli sconti

  • Operaio 34enne trovato morto in fabbrica

  • Schianto semi frontale tra auto: sei feriti, paura per due bimbi piccoli a bordo

Torna su
VicenzaToday è in caricamento