rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Economia

Bvr banca a fianco dello studio: 70 borse di studio a soci e figli meritevoli

Promuovere il merito e le capacità per il successo del territorio

Trentamila euro per settanta giovani selezionati per meriti scolastici, tra i soci e i figli dei soci della Banca, sia sotto forma di accredito in conto che come fondo pensione. Per il nono anno consecutivo, BVR Banca ha deciso di premiare la meritocrazia scolastica con il bando delle “borse di studio”, finalizzato a dare un giusto riconoscimento alle numerose eccellenze del territorio in cui opera.

Lo ha fatto stanziando quasi 30.000 euro per premiare i migliori risultati dei propri soci giovani e dei figli dei soci che si sono diplomati alle scuole superiori o che hanno conseguito la laurea, triennale o magistrale, in università italiane.

La cerimonia, partecipatissima da ragazzi e famiglie, si è svolta il 3 dicembre scorso con la consegna delle borse di studio destinate a questi 70 “bravissimi” selezionati.

All’atto pratico, per gli studenti che hanno conseguito il diploma di maturità con una valutazione di almeno 85/100 sono state consegnate 26 borse di studio da 300,00 euro, di cui 100,00 erogati sotto forma di previdenza complementare. Assegnatari dei premi sono risultati: Agosti Tommaso, Brazzale Giada, Canale Anna, Carollo Anna, Cazzola Tobia, Costenaro Martina, Dal Lago Lorenzo, Fabrello Luca, Idroscopi Vittoria, Lucca Isabel, Morelli Sara, Moretto Anna, Munaretto Antonio, Munari Matteo, Panozzo Luca, Pesavento Alessio, Presa Matilde, Ronda Alessia, Schiavon Ludovica, Schio Riccardo, Spagnolo Gioele, Toniolo Rachele Maria, Topatigh Lucrezia, Zambon Giorgia, Zambon Nicola e Zanella Michele.

E ancora, 30 borse di studio da 375 euro (di cui 125 destinati alla previdenza complementare) sono state distribuite agli studenti che hanno conseguito la laurea di primo livello con una votazione di almeno 100/110. I ragazzi premiati sono risultati: Balsamo Anna, Baù Chiara, Bertollo Luna, Bonfanti Michele, Burato Marco, Busellato Sebastiano, Canale Nicole, Cavion Alessandro, Dall'Osto Francesca, Eberle Alessandro, Ferraresi Matteo, Gloder Francesco, Grapiglia Maria, Marangoni Damiano, Marinoni Elena, Morelli Chiara, Nassi Giorgia, Pegoraro Anna, Rossato Michele, Rudella Adele, Scodro Giovanni, Scortegagna Sofia, Stefani Giovanni, Tisato Daniele, Tonello Tommaso, Tura Giorgia, Venturelli Nicole, Zanuso Camilla, Zattarin Francesca e Zuecco Margherita.

Infine altre 14 borse di studio da 750 euro (di cui 250,00 destinati alla previdenza complementare) sono state conferite agli studenti che hanno conseguito la laurea magistrale con i medesimi requisiti di votazione della triennale. I riconoscimenti sono stati conferiti a: Bianchi Giulia, Cunico Riccardo, Dal Castello Silvia, Dal Zotto Kevin, Faedo Matteo, Franceschi Filippo Maria, Giacon Denis, Leone Giada, Roncari Laura, Roncari Martina, Ronda Chiara, Spiller Matteo, Testolin Tommaso e Zenere Margherita.

Alla base della tradizionale iniziativa, vi è la piena consapevolezza che promuovere il merito e le capacità crei le premesse per il successo di un territorio: scuola e istruzione rappresentano le fondamenta per una adeguata preparazione alla vita e al mondo del lavoro che, oggigiorno, rappresenta una vera sfida per i giovani, poiché caratterizzato da una costante evoluzione, che richiede una formazione sempre più dinamica, evoluta e professionalizzante; è importante che ne prendano piena consapevolezza, in quanto dalle loro scelte dipenderà il futuro delle nostre comunità.

Così, oltre al consueto riconoscimento economico per i nostri giovani borsisti, nell’ottica di voler dare un ulteriore plus all’incontro e trasmettere qualcosa ai ragazzi che possa essere utile nel momento in cui si appresteranno ad entrare nel mondo del lavoro, la cerimonia è stata arricchita da un intervento di Martina Vazzoler, esperta di marketing e di strategie digitali, in modo particolare di vendita online, autrice di diversi libri e consulente per molte PMI italiane. Lo speech ha fornito consigli ai ragazzi in merito alle competenze digitali maggiormente richieste nel mondo del lavoro oggi, in un’ottica di lifelong learning con focus principale sulla formazione permanente e continua all’interno del nuovo scenario economico-sociale generato dalla rivoluzione digitale in corso.

“L’iniziativa – spiega il presidente di BVR Banca Maurizio Salomoni Rigon - risulta sempre gradita e apprezzata. In modo particolare quest’ultima edizione, in cui si è voluto creare un collegamento tra la tradizionale cerimonia di consegna delle borse di studio e consigli pratici inerenti l’ingresso al mondo del lavoro. Come Banca, il nostro intento è quello di favorire il raggiungimento di certe competenze e valorizzare i meriti, ma anche preparare i nostri giovani al futuro. Investire sul successo e sull’avvenire dei ragazzi significa rinsaldare il legame con il territorio e con le persone. Questa iniziativa, in coerenza con molte altre portate avanti dalla nostra banca durante questo anno, vuole essere un gesto concreto di vicinanza a favore dei figli dei soci e dei soci stessi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bvr banca a fianco dello studio: 70 borse di studio a soci e figli meritevoli

VicenzaToday è in caricamento