Sabato, 25 Settembre 2021
Economia

«Zonin, Giustini e tutti gli altri rinuncino alla prescrizione»

Lo chiede Luigi Ugone il presidente di «Noi che credevano nella Banca popolare di Vicenza»: l'associazione ha reso noto infatti che i due manager dopo la condanna in primo grado a Borgo Berga hanno presentato ricorso in appello. Una richiesta simile è stata indirizzata pure a Zigliotto. Uscito indenne in primo grado contro di lui la procura ha impugnato il verdetto. La stessa decisione è stata presa contro l'assoluzione di Pellegrini

«Sono stati depositati in queste ore i ricorsi in appello di Gianni Zonin e di Emanuele Giustini, due dei principati imputati nell'ambito del processo BpVi, dopo la condanna inflitta loro nel processo penale in primo grado a Vicenza». L'annuncio lo ha oggi 24 agosto in mattinata Luigi Ugone, presidente della associazione di risparmiatori «Noi che credevamo nella Banca popolare di Vicenza e in Veneto Banca» sulla bacheca Facebook della stessa associazione». Nel post, pubblicato pochi minuti fa, si legge: «Siccome non viviamo nel mondo delle fate possiamo dire che ce lo aspettavano. Allo stesso modo siamo coscienti come sui rimanenti gradi di giudizio incomba sempre più grigia la prescrizione». Poi un'ultima considerazione: «Ricordiamo a tutti che se un processo muore per prescrizione non significa che l'imputato sia innocente: semplicemente il processo termina per una disposizione del codice di procedura penale. Tuttavia Zonin e Giustini hanno da sempre professato la loro innocenza. Pertanto, ci aspettiamo in coerenza con quanto sempre sostenuto dagli stessi la rinuncia alla prescrizione per permettere che il processo vada avanti sino alla sentenza definitiva». In ultimo Ugone aggiunge che anche la Banca popolare in liquidazione coatta amministrativa, come persona giuridica, condannata al pagamento d'una sanzione pecuniaria di 364mial euro con relativa confisca pari a 74mila euro ha proposto appello. La sentenza del 19 marzo è stata impugnata, spiega il presidente, pure da Andrea Piazzetta e Paolo Marin: altri due manager condannati nell'ambito del processo di primo grado. A impugnare è pure la procura berica, più specificatamente contro l'assoluzione degli ex manager Giuseppe Zigliotto Massimiliano Pellegrini. Anche in questo frangente l'associazione presieduta da Ugone chiede a tutti coloro che sono stati interessati dal giudizio di primo grado di rigettare la prescrizione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Zonin, Giustini e tutti gli altri rinuncino alla prescrizione»

VicenzaToday è in caricamento