menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Petizione per apertura di saloni di acconciatura, centri estetici e studi di tatuaggi anche nelle zone rosse

L'iniziativa, lanciata dal settore "Servizi alla persona" di Confatigianato, in poche ore raccolte 25mila adesioni. Ecco come firmare

Confartigianato Vicenza comunica che non si ferma la loro battaglia per ottenere la riapertura delle attività del settore benessere attualmente chiuse per effetto delle zone rosse imposte da Decreto. Così, dopo la lettera al Ministro Giorgetti a livello nazionale e all’appello esteso ai parlamentari vicentini dei giorni scorsi, l'associazione ha lanciato il 31 marzo una raccolta firme per sollecitare la riapertura dei servizi alla persona; nella stessa giornata in cui il Decreto Aprile è stato approvato di nuovo stabilendo la chiusura delle imprese del benessere, a meno di un passaggio in “arancione” del Veneto.La petizione, che ha raggiunto in poche ore quota 25mila adesioni, è una ulteriore presa di posizione per riaffermare che saloni di acconciatura e centri estetici sono luoghi sicuri per clienti, dipendenti e imprenditore.

"Come già successo in passato e come più volte ribadito dalle categorie benessere, la chiusura delle attività apre la strada agli abusivi che approfittano dei divieti per entrare nelle case senza rispettare alcuna misura di sicurezza e di anti contagio con il rischio, concreto e reale, che il virus si diffonda più facilmente", spiega con una nota Confartigianato che, in forma congiunta con le altre sigle sindacali del settore, ha lanciato a livello nazionale una petizione on line per consentire l’immeditata apertura di parrucchieri, centri estetici, studi di tatuaggi, in vista anche del Decreto che dovrà stabilire le misure anti contagio dopo il periodo pasquale.

«I provvedimenti del Governo hanno prima imposto alle imprese del settore di adeguarsi a proprie spese ai protocolli anti-Covid, poi hanno imposto a nuove insostenibili chiusure nonostante le nostre attività non abbiano rappresentato fonte di contagio, anche perché lavorando su appuntamento non si generano i temuti assembramenti. Per questo ci stiamo battendo per chiedere al Governo che le nostre attività siamo autorizzate a ripartire anche nelle zone rosse per non lasciare gli abusivi ad operare indisturbati. Imporre la chiusura vuol dire decretare la morte di tante imprese regolari che non riusciranno a reggere questa situazione ancora per molto», commentano Renata Scanagatta e Valeria Ferron, presidenti provinciali delle categorie Acconciatori e Estetica di Confartigianato Imprese Vicenza.

La petizione, indirizzata a Governo e Parlamento affinchè cambi rotta rispetto alle decisioni prese, è ancora aperta sulla piattaforma change.org.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Comincia l'invasione delle formiche: i rimedi naturali

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento