6 maggio sciopero dei farmacisti, operatori turistici, del commercio e della ristorazione

Lo sciopero, che durerà per l'intera giornata, coinvolgerà i lavoratori occupati nei settori del turismo – pubblici esercizi, della ristorazione collettiva, delle agenzie di viaggio, della turistica – Federturismo/Aica Confindustria Alberghi; delle pulizie/servizi integrati/multiservizi; delle farmacie private; delle terme

Immagine di archivio

Con una nota firmata congiuntamente da Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltuc-Uil, Uiltrasporti-Uil, hanno annunciato la proclamazione di uno sciopero generale nazionale per il 6 maggio 2016, che si svolgerà nel corso dell’intera giornata.

Esso riguarderà «i lavoratori occupati nei settori del turismo – pubblici esercizi, della ristorazione collettiva, delle agenzie di viaggio, della turistica – Federturismo/Aica Confindustria Alberghi; delle pulizie/servizi integrati/multiservizi; delle farmacie private; delle terme». Federfarma ha rilanciato la nota spiegando che la decisione da parte dei rappresentanti dei lavoratori è stata determinata «dall’impossibilità, per tutti i comparti sopracitati, di giungere ai rispettivi rinnovi dei contratti nazionali».

«Le vertenze – aggiungono i sindacati – sono infatti aperte ormai da oltre 36 mesi, e nel caso del settore termale da oltre cinque anni, superando nei fatti un’intera tornata contrattuale. Nonostante si siano svolti molteplici incontri con le diverse e rispettive compagini datoriali, non è stato possibile giungere alla sottoscrizione degli accordi di rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro per alcuno dei settori citati. Rispetto a tale situazione le nostre organizzazioni hanno attivato, nel corso del 2015, lo stato di agitazione per i diversi settori», ed esso è dunque «ad oggi da ritenersi in vigore».

I sindacati hanno inoltre precisato che essi «garantiranno, a livello di ciascuna impresa o amministrazione interessata, il rispetto della disciplina vigente in materia di esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali, come previsto dagli accordi e dalle provvisorie regolamentazioni di ciascun settore nei rispettivi CCNL».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

Torna su
VicenzaToday è in caricamento