menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'intervento della polizia locale dei Castelli

L'intervento della polizia locale dei Castelli

Violano le disposizioni anti-Covid in 40, fuggi fuggi all'arrivo dei vigili: multati 3 ragazzi

Assembramenti e spostamenti ingiustificati, la polizia locale dei Castelli ha elevato in tutto 20 sanzioni negli ultimi giorni

Con il passaggio del Veneto prima in zona arancione e poi in zona rossa, si sono intensificati i controlli della Polizia Locale dei Castelli sul fronte del rispetto della disciplina anti-Covid. L'assembramento più consistente si è verificato ieri in piazza a Brendola. Erano infatti circa una quarantina i giovani che si erano radunati nel centro del paese. Alla vista della pattuglia, tutti si sono dati alla fuga, ma gli agenti ne hanno comunque fermati e sanzionati tre, di cui due minorenni.

Nei giorni scorsi sono state in tutto 20 le sanzioni da 400 euro elevate nei territori comunali di Montecchio Maggiore e Brendola. Nella zona dei castelli a Montecchio, un gruppo di giovani, tutti da fuori città, si era radunato per consumare alcolici: sono stati sanzionati in sei, tra cui due minorenni.Diverse altre sanzioni sono state elevate a persone che si trovavano senza motivazione fuori casa dopo le ore 22.

 «Le regole in questo periodo sono ben chiare: niente assembramenti e niente spostamenti ingiustificati! – commenta il sindaco Gianfranco Trapula – La Polizia Locale continuerà a tenere alta l’attenzione in questo campo, un’attenzione dovuta alla grave situazione emergenziale, per contenere la diffusione del virus e per non vanificare, a causa della disattenzione o della negligenza di pochi, gli sforzi personali e i sacrifici economici di molti».

«Al controllo del territorio – spiega il Comandante Alessandro Rigolon – si aggiunge la continua attività di informazione alla popolazione. In questi giorni la media delle telefonate in entrata è di una ogni sei minuti. I cittadini chiedono se possono spostarsi per i più disparati motivi. Calcolando che la durata media delle telefonate è di quattro minuti, significa che un operatore è dedicato tutto il giorno a questa funzione, che rientra nei nostri compiti e che espletiamo fornendo tutte le informazioni utili per non incappare, anche involontariamente, nelle sanzioni»

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La montagna frana: addio alla guglia Corno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento