rotate-mobile
Cronaca

Vicenza, undicenne tenta il suicidio per colpa del bullismo

Dopo aver subito l'ennesima offesa in classe, un ragazzino di 11 anni ha provato a suicidarsi, ingerendo una serie di farmaci prima di andare a scuola. Al suo ritorno la madre intuisce qualcosa di anomalo e lo porta all'ospedale di Arzignano per accertamenti. Alla presenza dei medici il vicentino ammette che voleva togliersi la vita

Un ragazzino di 11 anni, residente nella zona occidentale della provincia vicentina, ha tentato il suicidio con dei farmaci per colpa del pressante e continuo bullismo dei compagni di scuola. Il minorenne avrebbe assunto alcune pastiglie di Zarelis, un antidepressivo, e di Rivotril, un rilassante, per poi andare a lezione come se nulla fosse successo. Lo riferisce il Corriere del Veneto

Dopo essere tornato da scuola la madre 50enne lo vede strano e decide di portarlo all'ospedale di Valdagno in seguito ad una telefonata della sua professoressa preoccupata. Di fronte ai medici l'undicenne ammette il maldestro tentativo di suicidio dopo un litigio in classe, che ha fatto riaffiorare nella sua mente le umiiazioni subite in passato. Il giovanissimo vicentino è stato trasferito nel nosocomio di Arzignano, dove ha parlato con psicologi e assistenti sociali. Anche i carabinieri a conoscenza dell'accaduto possono fare ben poco, visto che i responsabili sono solo dei bambini. Ora la madre dell'undicenne ha incontrato la preside e gli insegnanti della sua scuola media per evitare altri episodi simili.

Da una ricerca fatta dal portale skuola.net con interviste a 15 mila soggetti, si evince che in Veneto un ragazzo su tre è vittima di bullismo. La fascia d'età più esposta è quella compresa tra i 14 e 17 anni, dove le vittime sono quasi due su cinque, anche se i comportamenti a rischio colpiscono sempre più spesso anche i bambini al di sotto dei 13 anni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, undicenne tenta il suicidio per colpa del bullismo

VicenzaToday è in caricamento