Vicenza terra di santi e beati: trenta religiosi vicini alla canonizzazione

Dopo monsignor Giovanni Antonio Farina chi si aggiungerà alla lista dei santi? Legati al territorio Vicentino, per nascita o operato, sono una trentina le figure che sarebbero vicine alla sentenza papale

L'ultima canonizzazione risale al novembre 2014 quando monsignor Giovanni Antonio Farina venne fatto Santo. Ora, come riporta Il Giornale di Vicenza sarebbero una trentina i vicentini per cui è in corso un processo di beatificazione e canonizzazione.

Vicino alla beatificazione padre Giovanni Schiavo, il giuseppino di Montecchio Maggiore missionario in Brasile. SI tratta di religiosi nati nel Vicentino, altri hanno operato nella diocesi di Vicenza. Dal padre francescano Adriano Osmolowski, sepolto nella chiesa di San Daniele a Lonigo. Nel 2002 è stata aperta la causa di beatificazione di padre Andrea Maria Cecchin, dei Servi di Maria, sepolto a Monte Berico.

Di San Pietro Mussolino Bertilla Antoniazzi, per la quale è stato chiesto un supplemento di indagine. Il cardinale Elia Dalla Costa, di Villaverla, Maria Cristina Cella Mocellin, giovane mamma scomparsa a Bassano. Don Santo Perin di Trissino, morto nel 1945 per lo scoppio di una mina. Padre Tullio Maruzzo di Arcugnano, ucciso in Guatemala.

Ci sarebbero poi i venerabili come Elisabetta Tasca Serena, madre di famiglia vissuta per anni a Brendola; padre Gioacchino Stevan di Nove, dei Servi di Maria; don Giuseppe Ambrosini di Soave, suor Olga Gugelmo di Pojana Maggiore, e don Ottorino Zanon, fondatore dell'Istituto San Gaetano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

Torna su
VicenzaToday è in caricamento