rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Cronaca

Vicenza, Tav-Tac, sopralluoghi nelle case degli espropriati

Il consorzio di costruttori privati che si occuperà del Tav scrive agli abitanti della case che verranno espropriate. Ispezioni per ultimare il progetto

Un po' a sorpresa nella cassetta della posta gli abitanti della case che dovranno essere abbattute per fare posto al Tav-Tac è arrivata una lettera di Iracav Due, il consorzio di imprese che ha la concessione per la tratta Verona-Padova. Nella missiva l'annuncio di un'ispezione da parte di alcuni tecnici, di cui sono stati anticipati nome e cognome, inviati per controllare i terreni da espropriare. 

Il sopralluogo è un'iniziativa del consorzio, necessaria, a quanto si apprende dalla lettera, per  una valutazione di eventuali "criticità ambientali" , utile per ultimare il progetto del Tav. 

I residenti delle case interessate, dunque, potrebbero assistere a dei carotaggi nel loro giardino, ma il condizionale resta d'obbligo. Il Comune di Vicenza non ha  mai annunciato le visite dei tecnici, perchè non di competenza pubblica. Gli espropri, infatti, dovrebbero essere resi ufficiali solo dopo la presentazione di un progetto definitivo.

Come specificato nella missiva, i residenti dei terreni da controllare, non sono obbligati ad aprire agli ispettori che agiscono per conto di un'azienda privata. In mancanza di un progetto definitivo il Tav non può essere ancora definita un'opera di pubblica utilità e dunque ogni esproprio resta ancora nella sfera del possibile ma non del certo, motivo per cui per i proprietari delle abitazioni non esiste nessun obbligo di legge. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, Tav-Tac, sopralluoghi nelle case degli espropriati

VicenzaToday è in caricamento