menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vicenza, targa e bollo per le bici, Dalla Pozza: "Meglio un registro anti-furto"

La proposta choc del senatore del Partito democratico Marco Filippi di rende obbligatori targa e bollo per tutte le biciclette fa discutere anche a Vicenza. L'assessore Dalla Pozza: "Un conto è se si parla di mezzi adatti al trasporto di più persone o merci, un altro se si intendono le bici comuni"

Targa obbligatoria per le biciclette? Se ne parla davvero. La proposta di legge è stata avanzata dal Senatore del Partito democratico Marco Filippi, il quale, qualche giorno, fa ha presentato un emendamento per modificare il DDL 1638.  Come raccontato su Today, la proposta provvederebbe di introdurre "un'idonea tariffa per i proprietari delle biciclette” (bollo) e “modalità di identificazione delle biciclette stesse” (targa).  L'obiettivo della legge, in teoria, è di contrastare le attività della camorra ormai immischiata anche nelle attività dei risciò per turisti nelle grandi città. In tutta Italia si è scatenato il dibattito e anche a Vicenza, la proposta ha lasciato molti perplessi. In particolare in questi giorni in cui si è tornati a ragionare sugli effetti dell'inquinamento da smog

"Ho letto della proposta del senatore del mio partito - spiega l'assessore alla mobilità Antonio Marco Dalla Pozza - E mi sembra un'esagerazione. Un discorso diverso lo farei per i mezzi come i risciò e i tre ruote utilizzati per il trasporto di più persone o di merci. In quel caso, penso sia giusta un'attenzione particolare, specialmente per avere una forma di controllo sull'incidentistica."

Discorso diverso per le targhe, intese coe riconoscimento di un mezzo: "Come Amministrazione ci siamo muniti dei marchiatori per registrare le biciclette in modo da renderne più facile il ritrovamento in caso di furto. - conclude Dalla Pozza - A questo proposito credo sarebbe utile avere un registro, se non nazionale, almeno regionale. In modo da poter incidere sul problema in modo più coordinato. Al momento una bicicletta marchiata a Vicenza, se viene, ad esempio, ritrovata a Padova rischia di non essere riconosciuta". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ci sarà una super luna rosa ad aprile

social

I sei sindaci che hanno reso grande Vicenza

Attualità

Spostamenti tra regioni gialle: tutti i dubbi sul pass

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento