Veicoli inquinanti, stop al blocco: "Aspettiamo i cartelli"

Lunedì non scatterà il blocco. Dal 15 ottobre da lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18 stop per i veicoli per i veicoli a benzina fino agli euro 1 e diesel fino agli euro 2, salvo peggioramento della qualità dell’aria

Domenica 30 ottobre sarà “Giornata Verde”, con moltissime iniziative e il divieto di circolazione dei veicoli a motore, eccetto gli elettrici, all’interno delle mura storiche.

Lunedì 1 ottobre, però, non scatterà il blocco dei mezzi più inquinanti. L’ordinanza del Comune di Vicenza che ieri ha recepito, dopo il passaggio in giunta, i recentissimi nuovi obblighi regionali, precisa infatti che i divieti relativi alla circolazione dei mezzi più inquinanti nell'area centrale e in alcuni quartieri della città, più restrittivi per orari e tipologie di veicoli rispetto allo scorso anno, diverranno efficaci 48 ore dopo l'installazione della nuova segnaletica stradale di cui sarà data ampia comunicazione.

Per la gara, fornitura e posa della novantina di cartelli riportanti le nuove disposizioni ci vorranno presumibilmente alcune settimane. Nel frattempo rimangono in vigore i divieti dell’anno scorso i quali, come indicano i cartelli stradali attualmente installati in città, sono validi dal 15 ottobre, da lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18 per i veicoli a benzina fino agli euro 1 e diesel fino agli euro 2. In caso di sforamento per 10 giorni consecutivi del valore limite giornaliero di Pm10 di 50 microgrammi al metro cubo d’aria, si dovranno fermare anche i diesel euro 3. Con superamento per 3 giorni consecutivi dei 100 microgrammi per metro cubo stop anche ai diesel euro 4.

Sono previste numerose eccezioni per mitigare i disagi provocati ai cittadini. Modalità del blocco e tipologie di veicoli coinvolti sono specificati alla questa pagina 

Da lunedì 1 ottobre entrano invece in vigore tutte le altre disposizioni antismog. E’ vietato mantenere acceso il motore durante le soste e gli arresti superiori al minuto. In casa, nei negozi e negli uffici la temperatura deve essere di 19 gradi, nelle fabbriche e nei laboratori di 17 gradi. In presenza di impianti alternativi, non si devono utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (come legna da ardere, cippato o pellet), con prestazioni inferiori alle 2 stelle. (Il divieto vale anche per gli impianti inferiori alle 3 e alle 4 stelle nel caso scattino i livelli di criticità rispettivamente arancione o rosso, ovvero 4 giorni o 10 giorni consecutivi di sforamento del livello di 50 microgrammi di pm10 per metro cubo d’aria).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada con l'auto e muore sul colpo: aveva solo 25 anni

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • La terra di scavo si ribalta, 32enne schiacciato dal mezzo: vani i tentativi di rianimazione

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Coronavirus, record di casi nel Vicentino: più di 1000 nuovi contagi in poche ore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
VicenzaToday è in caricamento