menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vicenza, rocambolesco inseguimento del rapinatore: arrestato 59enne

Paolo Fabrello ha tentato il colpo a Bottega Veneta. Dopo essere stato scoperto è fuggito seguito da un agente delle volanti che l'ha placcato nel piazzale di una fabbrica. Nella colluttazione il malvivente ha tentato di rubargli la pistola

Un predatore seriale, con una sfilza di precedenti penali. Luigi Fabrello, classe '69 di Thiene, residente a Carrè ma domiciliato a Caldogno non ha perso tempo nell'esercitare la propria professione. Dopo il provvedimento dei domiciliari a settembre con l'obbligo di firma, nella notte tra giovedì e venerdì ha tirato fuori il suo armamentario da ladro professionista e ha tentato l'assalto a Bottega Veneta in viale della Scienza. Qualcosa non ha però funzionato e dopo un rocambolesco inseguimento da parte degli uomini della squadra volante è stato arrestato e portato al San Pio X. 

Erano circa le 3:45 di stanotte quando è stato visto da una guardia Civis nell'atto di scassinare una vetrina della famosa azienda. Appena vista la guardia Fabrello è saltato sopra a dei bancali e ha scavalcato la rete di recinzione della Campagnolo, fuggendo nel vasto piazzale.

Nel frattempo sul posto sono arrivate due pattuglie della volante e un poliziotto ha inseguito il ladro - con la pistola in mano perché il 48enne era stato visto con un oggetto metallico (la parte finale di un piccone) - scavalcando anche lui la recinzione di tre metri mentre un altro agente seguiva la fuga dall'esterno. Il primo agente ha raggiunto il ladro ed è nata una collutazione nella quale Fabrello ha tentato di sotrarre l'arma all'agente prendendola dalla canna. Solo l'arrivo di un secondo poliziotto, che si è  impadronito dell'arma lanciandola lontana, ha evitato che la situazione degenerasse. 

L'uomo è stato ammanettato e condotto in questura con l'accusa di tentata rapina impropia. Durante la perquisizione è stato trovato con una pinza da idraulico e una torcia e un abbigliamento quanto meno singolare: due passamontagna indossati uno sopra l’altro,un berretto e due paia di guanti, due paia di pantaloni con ginocchiere e quattro maglioni, uno  dei quali usato come contenitore di sacchetti per mettere la refurtiva. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La montagna frana: addio alla guglia Corno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento