menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vicenza, prostituta incinta stuprata dai parà usa: scontro diplomatico

Starebbero proseguendo a ritmo serrato in contatti tra Pentagono, ambasciata Usa e autorità italiane per il processo ai due militari, accusati della violenza. Le tracce sull'auto ai Ris di Parma

Saranno i Ris di Parma ad analizzare le tracce trovate all'interno dell'auto dei due militari amercani, di stanza a Vicenza, accusati della brutale violenza su una prostituta romena 24enne, incinta di 6 mesi. Rintracciata dopo poche ore, grazie al numero di targa, presentava tracce ematiche e capelli sui sedili. All'interno c'erano ancora gli slip strappati alla presunta vittima: saranno i militari a far eventualmente combaciare i referti con la ricostruzione dell'aggressione. 

Il caso è all'attenzione anche delle massime autorità italiane ed americane. Come accade nella stragrande maggioranza dei casi, il comando della 173esima,aveva chiesto l'estradizione di L.J.G., accusato anche dello stupro di una minore, e di D.M.C. ma un "no" è arrivato, via twitter, dal ministro della Giustizia, Andrea Orlando. Secondo quanto riferisce Il Giornale di Vicenza, il fatto di cronaca starebbe diventando un caso diplomatico. I due, agli arresti domiciliari alla Del Din, saranno ascoltati dal gip mercoledì. 


Nel frattempo, la vittima è ancora ricoverata al San Bortolo, dove ha ricevuto anche la visita del sindaco Achille Variati, oltre che dall'ambasciata romena in Italia. La giovane, incinta di 6 mesi, ha rischiato di perdere il bambino e rimarrà in ospedale ancora per qualche giorno. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lotto, raffica di vincite con la stessa combinazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento