Omicidio di Camisano: 18 anni a Mirko Righetto

La sentenza del tribunale ha sconcertato i famigliari di Nidia Lucia Loza Rodriguez, la colombiana 37enne uccisa dal marito la sera del 12 aprile

Diciotto anni e otto mesi di reclusione. È questa la sentenza emessa martedì dal tribunale di Vicenza con rito abbreviato nei confronti di Mirko Righetto, l'uxoricida che la notte del 12 aprile del 2016 uccise con 34 coltellate la moglie Nidia Lucia Loza Rodiguez - 37enne di origine colombiana - nella loro villetta a Camisano Vicentino. 

Il giudice Barbara Maria Trenti ha escluso l’aggravante della crudeltà riducendo di un terzo la pena a 30 anni chiesta dalla procua. L'ex imprenditore, presente in aula, è stato anche condannato a risarcire la figlia minore con 600mila euro e i parenti della vittima con 380mila euro. Grande delusione e sconcerto da parte degli familiari, espressa dagli avvocati degli stessi al termine del processo.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roberto Baggio parla per la prima volta della moglie: "Per lei non facile"

  • Esce di strada con l'auto e muore sul colpo: aveva solo 25 anni

  • La terra di scavo si ribalta, 32enne schiacciato dal mezzo: vani i tentativi di rianimazione

  • Coronavirus, record di casi nel Vicentino: più di 1000 nuovi contagi in poche ore

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • Va a cercare parcheggio ma non fa più ritorno, famiglia in allarme: ritrovato dalla Polizia locale

Torna su
VicenzaToday è in caricamento