Cronaca San Bortolo / Via Cricoli

Vicenza, nomadi scrivono al prefetto di Venezia: "No al trasloco"

La vicenda del campo di viale Cricoli si arricchisce di una nuova puntata, dopo le risposte ferme dell'amministrazione ora i nomadi scrivono al prefetto di Venezia per evitare il trasloco

Ormai è assodato: le famiglie sinte che dovrebbero trasferirsi nel nuovo campo di viale Cricoli, faranno ostruzionismo, un'opposizione senza quartiere o città. Dopo l'intransigenza mostrata dalla giunta Variati, che con una lettera informava le famiglie del trasloco fissato per il 16-17-18 dicembre, i nomadi hanno scritto al prefetto di Venezia, per fermare l'ordinanza

Le famiglie che al momento alloggiano in un vicino campo provvisorio,  ricevuta la missiva del sindaco si sono riunite e con l'aiuto di portavoce e mediatori culturali hanno deciso l'inaspettata contro mossa."Segui i soldi" dice un vecchio adagio, ecco spiegato perchè i nomadi hanno ignorato il prefetto Vicenza per rivolgersi altrove. Come raccontato da il Giornale di Vicenza, i fondi per i lavori al campo nomadi di viale Cricoli erano arrivati dal Ministero degli Interni,  e dunque devono essere gestiti dal prefetto della città capoluogo di regione

I contenuti della lettera sono in parte già conosciuti. Le famiglie sinte, di traslocare con il freddo, proprio non ne vogliono sapere, e lamentano che il trasloco, previsto inizialmente per agosto, sia stato ritardato a causa del comune. 

"Ci sono famiglie con bambini e anziani allettati e quindi soggetti sensibili protetti dalla legge - ha scritto il mediatore culturale per conto dei nomadi - che per un paio di giorni dovrebbero andare in un´area di ristoro a tre chilometri e soltanto per le ore diurne». Per questa ragione e per altre, le famiglei hanno chiesto al prefetto di Venezia di intervenire fermando il trasloco. Da Venezia, però, tutto tace. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, nomadi scrivono al prefetto di Venezia: "No al trasloco"
VicenzaToday è in caricamento