rotate-mobile
Cronaca

Vicenza, maxifurto alla fiera della pesca: incastrati dalle telecamere

I ladri hanno abilmente sottratto del materiale e soldi in contanti durante Pescare Show. Ma non hanno fatto i conti con l'impianto di sorveglianza

Furti per 6000 euro di materiale da pesca e altri 2000 euro in contanti sottratti a un operatore milanese. È questo il bottino che tre abili ladri, per tutta la giornata di sabato sono riusciti a rubare in ben sei stand a Pescare Show in Fiera a Vicenza. I borseggiatori erano già pronti a colpire di nuovo il giorno dopo e solo l'analisi delle telecamere di sorveglianza ha permesso, nella giornata di domenica, il fermo dei tre e il recupero della refurtiva da parte dei carabinieri.

La serie di furti è iniziata al sabato mattina verso le dieci. Uno standista, allontanatosi per qualche minuto, al ritorno alla sua postazione si accorge che erano spariti 200 euro in contanti nascosti in una scatola sotto al bancone. A quel punto entra in azione la sicurezza e, dopo aver visionato i fotogrammi delle telecamere, riesce a individuare i responsabili del furto che vengono bloccati domenica alle 16 dallo stesso personale della sorveglianza, dopo un breve inseguimento. I carabinieri, all'arrivo, perquisiscono i soggetti e trovano solo delle chiavi di un'Audi A4 negli slip di uno di essi, nonostante lui e i complici avessero dichiarato di essere arrivati in treno.

Le ricerche dell'Arma nel parcheggio colmo di macchine per la grande affluenza della fiera arrivano a individuare le vettura sospetta: ha la targa rumena e all'interno c'è la refurtiva, compresi i soldi, stipata dentro a un trolley. A finire in carcere sono R.L.V., Cittadino belga nato in Romania del '77; J.V. romeno, pure lui quarantenne e B. I. , nato in Romania nel '67. Due di loro avevano precedenti penali, per tutti è scattata l'accusa di furto di denaro e ricettazione. Ai tre è stata applicata mercoledì pomeriggio la misura dell’obbligo di presentazione alla P.G. tre volte a settimana presso la stazione CC. Di Noventa. I carabinieri presumono inoltre che la refurtiva provenga da stand non ancora identificati e lanciano quindi un appello alle ditte espositrice che hanno subito qualche ammanco per verificare la proprietà degli oggetti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, maxifurto alla fiera della pesca: incastrati dalle telecamere

VicenzaToday è in caricamento