rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Cronaca

Vicenza, in manette il terrore di piazza Matteotti

L'uomo arrestato dalla squadra mobile di Vicenza negli scorsi giorni faceva parte del gruppo di senza tetto che avevano fatto di piazza Matteotti la loro base operativa. Non è stato l'unico pregiudicato a finire in manette nel Week-end

Il nome del tunisino arrestato dagli uomini della squadra mobile durante il week-end, era ben noto in questura. A.J.J. 45 anni, pluri pregiudicato e senza fissa dimora, era stato più volte segnalato come uno dei nordafricani responsabili dei tanti fatti di microcriminalità avvenuti negli scorsi mesi in piazza Matteotti a Vicenza. La sua carriera criminale ora è arrivata ad uno stop che potrebbe durare a lungo, vista la sfilza di precedenti. 

Nel 2008 era stato denunciato a Perugia per danneggiamento e spaccio di stupefacenti. Dal 2009 aveva si era spostato in provincia collezionando denuncie per spaccio tra Vicenza e Schio. Nel 2015, fu invece denunciato per furto e resistenza a pubblico ufficiale, dopo essere stato trovato dagli agenti della polizia locale a vagare per piazza Matteotti ubriaco fradicio. Condannato, la sentenza era stata sospesa dopo il ricorso. 

Aveva molti precedenti, soprattutto per reati contro il patrimonio, anche il cittadino croato finito in manette domenica pomeriggio. Così tanti da non sapere nemmeno di essere stato condannato per alcuni furti commessi tra Vicenza ed Arzignano un anno fa. D. S. 46enne di Zagabria, si era, però, reso irrintracciabile, dopo essere stato arrestato e rimesso in libertà  per il furto di una bii di grande valore fuori dal supermercato Alì di Sovizzo. Gli agenti lo hanno individuato solo grazie ad un vecchio numero di telefono in suo possesso. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, in manette il terrore di piazza Matteotti

VicenzaToday è in caricamento