rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca San Bortolo

Vicenza, il computer va in tilt: guai al pronto soccorso

Il direttore generale dell'ospedale San Bortolo è andato su tutte le furie dopo che, per l'ennesima volta, il cervello elettronico che gestisce il pronto soccorso è andato in titl. Pronta una causa per il disservizio

Al pronto soccorso di Vicenza per 72 ore si è tornati indietro nel tempo, in un'era in cui i computer non esistevano ancora. Medici ed infermieri hanno dovuto scrivere tutto a mano, gestendo nuovi arrivi, emergenze, triage, prescirzioni, senza l'ausilio dei mezzi informatici andati in tilt lo scorso fine settimana. Il ripristino del software è avvenuto lunedì sera, martedì ancora problemi. 

L'episodio, l'ultimo di una serie, ha fatto andare su tutte le furie il direttore generale dell'ospedale San Bortolo, Ermanno Angonese, che ora medita le vie legali nei confronti dell´azienda di Marghera che gestisce il sistema informatico dell'ospedale.

Giovedì mattina il duro faccia a faccia tra la direzione del San Bortolo e i gestori de software. Furioso il primario del pronto soccorso Vincenzo Riboni, che al Giornale di Vicenza ha dichiarato: «Se succederà ancora informerò il governatore Zaia. I disagi sono enormi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, il computer va in tilt: guai al pronto soccorso

VicenzaToday è in caricamento