Cronaca

Vicenza, il caso dell'albergo cittadino: malati "in quarantena" chiusi in una stanza

Cosa succede nella struttura che accoglie i diseredati? Un ospite segnala una situazione non proprio chiara e denuncia: "chi ha malattie infettive viene isolato"

È un posto cosiddetto di "prima accoglienza" per persone che non hanno dove andare a dormire, per diseredati che non lavorano e non hanno nemmeno da mangiare. È l'albergo cittadino di viale San Lazzaro, una struttura che accoglie circa 250 ospiti all'anno tra stranieri e italiani. Situazioni al margine, persone che sono finite allo sbando per i più svariati motivi, inclusa la perdita dell'impiego o che si sono trovate in  gravi situazioni di disagio economico e uno sfratto in mano. Qualcuno resta pochi giorni, altri anche dei mesi, c'è chi prende una pensione minima e chi non ha un soldo.

L'"albergo", come lo chiamano, è una costruzione di colore rosso che vista dall'esterno sembra appena ristrutturata. Gestito da una cooperativa, il posto è considerato un fiore all'occhiello dell'assessorato ai servizi sociali che spende circa 380 mila euro l’anno qui e nelle altre strutture di cohousing. Nel corso degli anni sono però uscite molte crepe di quel sistema: liti, incuria, casi di scabbia, accuse sulla gestione. L'ultima denuncia arriva direttamente da chi lì ci vive e che preferisce mantenere l'anonimato, un  ospite che segnala l'isolamento di quelle  persone - una decina - accolte all'interno della casa e allontanate dagli altri in quanto portatori di malattie infettive.

Tutte le persone che hanno preso delle patologie trasmissibili - soprattutto gravi micosi ai piedi e forse anche casi di scabbia - sarebbero infatti relegate in una specie di "quarantena" all'interno di una stanza ricavata da una cucina all'interno di un appartamento di sgancio della struttura che comprende due o tre camere.

Secondo le segnalazioni i malati non possono avere contatti con gli altri ospiti: i pasti vengono serviti all'interno della stanza, lo stesso luogo in cui gli affetti da funghi e micosi vengono curati - senza quindi un passaggio in ospedale- con un trattamento a base di creme costose, a quanto pare pagate direttamente dal Comune. A volte si vedono questi ospiti "speciali" con vistose fasciature sotto ai sandali  o alle ciabatte andare a prendere un caffè al bar di fronte all'albergo o gironzolare nei dintorni. Naturalmente se si chiede conto della faccenda agli operatori si viene dirottati all'assessorato ai servizi sociali. Più volte contattata telefonicamente, l'assessore Sala non ha ancora risposto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, il caso dell'albergo cittadino: malati "in quarantena" chiusi in una stanza

VicenzaToday è in caricamento