rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Via Gorizia

Vicenza, guerra allo spaccio, si intensificano i controlli in Campo Marzo

Dopo le 2mila firme raccolte dal comitato piazza Castello per chiedere più attenzione su via Gorizia e viale Roma, il Comune risponde. Maggiori controlli anche ai negozi frequentati dagli spacciatori

Le 2 mila firme raccolte dal comitato piazza Castello  per chiedere un cambio di passo nella guerra allo spaccio in via Roma e via Gorizia non sono rimaste inascoltate. 

Il sindaco Achille Variati ha annunciato un giro di vite nella lotta al degrado di Campo Marzo: nel mirino non solo i soliti volti noti alla questura, ma anche gli esercizi commerciali attorno a cui questi gravitano. 

Il cambio di strategia è stato deciso in un vertice in prefettura giovedì mattina a cui hanno partecipato, oltre al sindaco,  l'assessore alla  sicurezza Dario Rotondi, il comandante della polizia locale Cristiano Rosini, i rappresentanti delle forze dell´ordine. IL comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica a Campo Marzo affinacherà, dunque, il progetto Tantalo varato qualche settimana fa dalla Questura. 

«L´obiettivo comune - si è limitato a dire Variati al Giornale di Vicenza - è quello di intensificare i controlli» ma l'impressione e che i controlli siano solo un primo paso verso una soluzione più duratura del problema. Al monitoraggio della zona potrebbero seguire restrizioni di orario e nei, casi più gravi, anche la chiusura degli esercizi pubblici.

La sferzata, però, potrebbe trovare un ostacolo nel Tar. In passato misure simili proprio in alcuni locali della zona erano state annullate dal tribunale amministrativo regionale che dopo la chiusura forzata voluta alla polizia locale aveva fatto riaprire i locali annullando ogni ordinanza. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, guerra allo spaccio, si intensificano i controlli in Campo Marzo

VicenzaToday è in caricamento