rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Cronaca

Vicenza-Empoli, confermati i Daspo per 22 anni

La Cassazione ha confermato il divieto di ingresso allo stadio per i 7 tifosi, su 30 colpiti dal provvedimento, che avevano fatto ricorso

La Cassazione ha respinto i ricorsi presentati da sette tifosi biancorossi coinvolti nei disordini di due anni fa durante e dopo la partita Vicenza-Empoli. Lo stadio Menti per loro rimarrà chiuso e i sette avranno l'obbligo di recarsi in questura per la firma durante le partite. 

Con questa sentenza, quel Vicenza-Empoli si conferma una pagina buia della storia sportiva della città. Sul campo finì 5 a 1 per gli ospiti, con il Vicenza sempre più avviato verso la retrocessione, mentre vennero denunciati una trentina di tifosi, riconosciuti durante le contestazioni che portarono anche alla sospensione della gara per 30 minuti, dovuta all'ingresso a bordo campo di alcuni ultras. 

Dopo i provvedimenti, sette tifosi avevano fatto ricorso ma la Corte ha confermato i provvedimenti: 5 anni per C.B., 40 anni, vicentino, 4 anni per N.F., 27 di Dueville, 3 anni per i vicentini T.M., 24 anni, P.M., 22, A.B., 42, due per D.R., 27 anni e T.D., 30, di Noventa. 

Come riportato da il Giornale di Vicenza, le difese dei tifosi avevano provato a contestare le scelte del giudice ponendo alcuni dubbi sulla ricostruzione dei fatti proposta dalla questura e sostenendo dei dubbi "riguardo alla partecipazione alle contestazioni e alla pericolosità concreta dei comportamenti dei tifosi". Ragioni rimasti inascoltate in Cassazione. Oltre al Daspo, la vicenda proseguirà nelle aule del tribunale

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza-Empoli, confermati i Daspo per 22 anni

VicenzaToday è in caricamento