Vicenza, dopo 50 anni torna il filobus: opera da 50 milioni di euro

La rete filoviaria di Vicenza fu in esercizio dal 1928 al 1970. Martedì l'assessore Dalla Pozza ha presentato il nuovo innovativo progetto: 18 fermate e 11 chilometri di linea

ll filobus elettrico della Marelli che transitava in corso Palladio negli anni '50-'60

Primo giugno 2024: collaudo fornitura. E' questa la data che l'assessore alla progettazione e sostenibilità urbana Antonio Dalla Pozza ha messo in evidenza ieri mattina presentando la delibera con la quale la giunta comunale ha approvato la Relazione per l'acquisizione dei veicoli per l'esercizio della nuova linea di trasporto pubblico con alimentazione elettrica, il cosiddetto filobus. Il documento è stato redatto, sentito il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, dal settore Mobilità e trasporti del Comune e da Svt, scelta come soggetto attuatore della fornitura e messa in esercizio del filobus, in quanto azienda in house affidataria del servizio di trasporto pubblico locale.

“Contiamo che i nuovi veicoli elettrici siano pronti per il collaudo alla data del primo giugno 2024 – ha detto infatti l'assessore Dalla Pozza – , in totale allineamento con quanto previsto dal progetto dell'alta velocità alta capacità ferroviaria in relazione alla realizzazione dell'infrastruttura. Tra il finanziamento ministeriale dei mezzi per oltre 18 milioni di euro e le infrastrutture per 30 milioni di euro inserite tra le opere previste per il passaggio per Vicenza dell'alta capacità ferroviaria, stiamo parlando di un intervento di mobilità urbana sostenibile assolutamente innovativo, del valore di 50 milioni di euro. Per questo progetto, già oggetto dell'interesse di aziende leader sia nel nostro territorio sia nel mondo, abbiamo guardato decisamente al futuro, a differenza di chi ancora oggi si volta indietro, proponendo di riaprire alle automobili private le piazze nella Ztl”.

La linea del filobus attraverserà la città da est a ovest con uno sviluppo lineare di 11,2 chilometri, circa 18 fermate oltre ai due capolinea dotati di parcheggi di interscambio, una capacità di linea pari a 1350 passeggeri nelle ore di punta per ogni direzione e una domanda calcolata di 1000 passeggeri, con un incremento del 45% rispetto all'attuale linea 1. La tecnologia di alimentazione dei mezzi sarà oggetto di specifici studi, considerato il quadro tecnologico in pronunciato e costante progresso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roberto Baggio parla per la prima volta della moglie: "Per lei non facile"

  • Coronavirus, Vicenza maglia nera come numero di positivi

  • Esce di strada con l'auto e muore sul colpo: aveva solo 25 anni

  • La terra di scavo si ribalta, 32enne schiacciato dal mezzo: vani i tentativi di rianimazione

  • Coronavirus, record di casi nel Vicentino: più di 1000 nuovi contagi in poche ore

  • Va a cercare parcheggio ma non fa più ritorno, famiglia in allarme: ritrovato dalla Polizia locale

Torna su
VicenzaToday è in caricamento