Vicenza, denuncia l'ex amico per furto ma era una calunnia

I carabinieri non erano convinti della ricostruzione fatta dalla vittima del furto di medaglie e hanno voluto vederci chiaro, cogliendo nel segno

Lo scorso sabato 25 agosto, aveva contattato telefonicamente il 112 segnalando di essere stato vittima di una rapina da parte di un ragazzo casualmente conosciuto il giorno precedente, il quale presentatosi con una scusa nella sua abitazione, dopo averlo ripetutamente percosso e minacciato con un coltello, gli intimava di consegnare la somma di 300 euro e circa duecento medaglie sportive del valore non quantificato, dileguandosi poi a piedi per ignota destinazione.

Le indagini immediatamente avviate dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vicenza, hanno permesso di appurare che, in realtà, non si era verificato nulla di quanto denunciato.

Le troppe insicurezze, le contraddizioni e i dettagli confusi hanno permesso ai militari di appurare la verità. Per tale motivo T. S. 31enne, residente in città in viale Anconetta, è stato denunciato per calunnia poiché lo stesso, sentito dai carabinieri e messo davanti alle proprie responsabilità, ammetteva di essersi inventato la storia della rapina come segno di “ripicca” per dei dissidi privati nei confronti del suo ormai ex amico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

  • Investito in bici dal rimorchio di un camion: gravissimo 14enne

Torna su
VicenzaToday è in caricamento