rotate-mobile
Cronaca Bertesina / Via Giovanni Picutti

Vicenza, chiama la polizia per abbandono di minore, ma in casa c'è la nonna

Clamoroso errore di un investigatore privato: ha chiamato la polizia accusando una donna per abbandono di minore, ma al citofono di casa risponde la nonna. Rischia la denuncia per procurato allarme

Mercoledì alle due in via Piccuti, zona Sant'Andrea, la polizia è intervenuta per un supposto caso di abbandono di minore. A dare l'allarme un investigatore privato di un'agenzia toscana, che aveva ricevuto l'incarico di controllare se la mamma di un bimbo di sei anni lo lasciasse solo in casa. A pagare il professionista dei pedinamenti il marito della donna, insospettito dai continui pomeriggi fuori casa della moglie. 

L'investigatore, però, ha preso un abbaglio. L'uomo ha seguito mamma e figlioletto rientrare in casa dopo la scuola, e quando lei, poco dopo l'ora di pranzo, ha lasciato l'edificio, ha subito chiamato la polizia.  Al citofono gli agenti, però, si sono sentiti rispondere da una voce matura. Nell'appartamento, infatti, assieme al minore c'era la nonna 71enne perfettamente in grado di prendersi cura del nipote. L'investigatore ora rischia la denuncia per procurato allarme. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, chiama la polizia per abbandono di minore, ma in casa c'è la nonna

VicenzaToday è in caricamento