"Ordinò" nove chili di coca in Belgio: condannato 45enne

L'uomo, originario da Africo e residente a Montecchio Maggiore, è stato raggiunto in carcere dal provvedimento. Dovrà scontare 4 anni e 4 mesi di pena residua

Foto di archivio

Dal Belgio a Bologna passando per Montecchio Maggiore. Il traffico di cocaina nel nord Italia e nel vicentino ha diramazioni di proporzioni vaste e legate alla criminalità organizzata calabrese, come dimostrato dal recente episodio di Zermeghedo. Di Africo, in provincia di Reggio Calabria, è anche Leo Criaco, 45enne residente a Montecchio Maggiore.

L'uomo, dopo un processo durato alcuni anni, è stato raggiunto - nei giorni scorsi - in carcere dall'ordinanza di condanna per spaccio internazionale di stupefacenti. Reato per il quale dovrà scontare 4 anni e 4 mesi ai domiciliari. 

Criaco, assieme a due complici, è stato coinvolto in un'indagine della questura di Bologna perché nel 2014, con l'aiuto di un corriere, ha comperato nove chili di cocaina che sono arrivati nel capoluogo emiliano. Finito in carcere con misura cautelativa nel 2015, ora dovrà scontare il residuo della pena 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roberto Baggio parla per la prima volta della moglie: "Per lei non facile"

  • Esce di strada con l'auto e muore sul colpo: aveva solo 25 anni

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • La terra di scavo si ribalta, 32enne schiacciato dal mezzo: vani i tentativi di rianimazione

  • Coronavirus, record di casi nel Vicentino: più di 1000 nuovi contagi in poche ore

  • Foliage: ecco i luoghi più belli dove ammirarlo nel vicentino

Torna su
VicenzaToday è in caricamento