Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca San Felice Cattane / Via Battaglione Vicenza

Vicenza, aumentano le segnalazioni di degrado, emergenza cassonetti

Dai social ,sempre più segnalazioni di degrado urbano, in viale Fiume come a Santa Bertilla: cassonetti stracolmi ed immondizia per strada. C'è anche chi rovista e lascia fuori "gli scarti"

Domenica mattina, l'ennesimo post sul gruppo Facebook "Sei di Vicenza se..." ha fatto suonare l'allarme: in alcune zona della città è emergenza rifiuti.  A lamentarsi - ma è solo l'ultima segnalazione che arriva dal web - un utente che, stanco, ha deciso di postare alcune foto dei marciapiedi nei pressi della chiesa di Santa Bertilla, lungo via Battaglione Vicenza. Scarpe, vecchi vestiti ed immondizia occupano buona parte del passaggio pedonale, forse, dopo che qualche disperato  è stato costretto per fame o necessità a rovistare nella spazzatura. Una situazione di degrado che apparentemente si ripete spesso, senza che nessuno faccia qualcosa. 

Postata la foto, infatti, il social si è scatenato: "Che schifo... Vicenza è diventata peggio di Napoli... in ogni quartiere ormai si vedono queste scene... e gli operatori tutte le mattine devono ripulire. Invece di mettere un operatore, mettete un soldato con il mitra... chissà che impariamo...." Scrive un utente amareggiato. Non è l'unico:"Nel quartiere dove abito, abbiamo la ricicleria a meno di un chilometro, e vorrei che tu facessi un giro per vedere cosa gli INCIVILI (per usare un termine moooolto blando) lasciano per terra vicino ai cassonetti!!!"

Effettivamente, l'episodio di Santa Bertilla non è raro: basta fare un breve giro in macchina per la città per osservare una serie di situazioni al limite della decenza, se non oltre. In via Baden Powell ancora stracci a terra, vestiti, immondizia di vario tipo lasciata al vento, idem alla Stanga  e nei pressi di un noto supermercato a San Pio X, ma anche nella zona commerciale di Torri.

La raccolta comunale non è cambiata nel tempo, ma in alcune zone il degrado aumenta in parte a causa della crisi, che vede sfortunatamente aumentare il numero dei rovistatori di cassonetti, in parte anche per la maleducazione di alcuni cittadini che ancora non fanno la differenziata, almeno a giudicare dalla spazzatura riversata sui marciapiedi. 

Spiegazione questa che non accontenta comunque il popolo del web: "Al di là dell'episodio incriminato- scrive un altro utente - effettivamente Vicenza è diventata lurida e piena di "scoasse" dappertutto. In questo credo che, oltre all'imbarbarimento caratteristico di questa decadenza che stiamo vivendo, anche il Comune abbia qualche responsabilità."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, aumentano le segnalazioni di degrado, emergenza cassonetti
VicenzaToday è in caricamento