Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza Biade

Vicenza, 100 mila euro di "cresta" sull'aperitivo, barista sotto accusa

Ordinava latte e caffè in abbondanza: il barista gestore di un noto bar del centro finisce nei guai dopo aver fatto la cresta sugli ordini per oltre 100 mila euro

Guai per l'ex gestore e barista di un noto bar del centro storico di Vicenza, che avrebbe ordinato più merce di quella necessaria, in modo sistematico tanto da recare un danno all'attività di 100 mila euro. Per un bar specializzato negli aperitivi, troppo latte e troppo caffè, 4.200 litri e 585 chili, oltre che biscotti e brioches, quantità che non sono passate inosservate, anche se spalmate nei due anni in cui S. M. , 41 anni, residente in città, aveva lavorato nel locale di di piazza Biade.

Come riportato da Il Giornale di Vicenza,  il pubblico ministero Cristina Gava, ha chiuso le indagini ed ha citato a giudizio il barista, contestandogli l'appropriazione indebita. L'uomo avrebbe fatto la cresta nel biennio 2007-09, finchè il gestore del bar, che sospetta che lo stesso fatto sia avvenuto in altri locali della sua società, fatti due conti ed interrogato il personale, aveva individuato nel barista la causa delle spese eccessive a fronte delle basse entrate durante il giorno e l'aveva prima licenziato e poi denunciato. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, 100 mila euro di "cresta" sull'aperitivo, barista sotto accusa

VicenzaToday è in caricamento