Vicenza, 10 sanzioni al giorno contro il degrado, non paga nessuno

Le multe alle prostitute, ai mendicanti, ai bivacchi abusivi avrebbero dovuto fruttare alle casse comunali 160 mila euro, in pochissimi però pagano le sanzioni. Intanto arrivano i dati del sistema automatico dei controlli, una sperimentazione unica nel vicentino. Ad essere multati i soliti noti

mendicanti a Monte Berico

In quattro mesi la polizia locale di Vicenza ha elevato 1400 sanzioni contro il degrado. Soldi, circa 160 mila euro, arrivati nelle casse comunali solo in line teorica. Accattoni, prostitute che operano nelle zone vietate, i mendicanti di Monte Berico hanno ricevuto una media di 10 multe al giorno, ma in pochi pagano davvero. I dati arrivano direttamente dall'Amministrazione comunale. 

Contro il degrado urbano la polizia locale del Comune di Vicenza ha, infatti, elaborato un sistema di implementazione automatica di una banca dati per la definizione degli obiettivi di controllo giornalieri.

L'iniziativa, probabilmente unica in Italia, è stata presentata mercoledì mattina al comando di contra' Soccorso Soccorsetto dall'assessore alla sicurezza Dario Rotondi e dal comandante Cristiano Rosini. “Dal 9 febbraio – ha detto l'assessore Rotondi – pattuglie prevalentemente dedicate a rendere operativi i poteri attribuiti al sindaco in materia di sicurezza urbana, registrano in tempo reale su tablet gli esiti dei controlli antidegrado, fornendo in modo automatizzato a chi ha il compito di organizzare i servizi, dati sempre più precisi sulla presenza, l'evoluzione e anche l'assenza di un fenomeno in una certa zona, allo scopo di rendere sempre più mirati e efficaci gli interventi e di costruire una banca dati storica sui luoghi e sui soggetti che provocano il degrado."

Dal programma di rilevazione risulta che le zone più controllate nella lotta al degrado urbano sono ad oggi quelle di piazza Matteotti, dei parcheggi dell'ospedale, del santuario di Monte Berico, di viale Roma, di piazza Araceli e di viale Milano. Per tutte queste zone, i controlli che hanno dato riscontri negativi sono sempre superiori a quelli in cui si è registrata un'attività sanzionatoria, a dimostrazione del fatto che il monitoraggio costante del territorio contribuisce ad allentare il fenomeno. Nello specifico in piazza Matteotti, in assoluto l'area più controllata, 207 interventi hanno riguardato l'accattonaggio (di cui 53 positivi), 97 il bivacco su aree pubbliche (20 positivi), 60 il degrado urbano in senso ampio (17 positivi), 46 l'individuazione di parcheggiatori abusivi (14 positivi), 5 il divieto di consumo di alcol e 4 l'ubriachezza molesta (tutti positivi). In generale, in tutta la città dal 9 febbraio al 15 giugno la violazione del divieto di mendicità è stato rilevata 787 volte (contro le 702 dello stesso periodo dell'anno scorso), di cui ben 56 volte ad opera di una stessa donna rumena e per il 42 per cento delle solite 8 persone (7 rumeni non rimpatriabili e un tunisino). 162 sono invece le sanzioni per divieto di bivacco davanti ai monumenti (23 l'anno scorso) e 35 in aree verdi (7 nel 2014); 68 sono le sanzioni per consumo di alcol (36 l'anno scorso); 20 quelle per divieto di urinare fuori dagli appositi spazi (14 l'anno scorso). Solo 191, invece, risultano le sanzioni per divieto di prostituzione a fronte delle 752 rilevate nello stesso periodo dello scorso anno, quando però si era dato il via a una intensa attività di contrasto del fenomeno, con grande dispiegamento di forze oggi destinate anche a tutte le altre tipologie di controllo antidegrado.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Cade dalla finestra: gravissima una donna

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento