rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

La “mia Africa” del vescovo: sopravvivenza e cristianesimo

Mons. Beniamino Pizziol è intervenuto venerdì sera a margine di una messa celebrata in occasione della festa di S. Francesco di Sales e ha raccontato la sua esperienza in Camerun

Il vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol dopo la messa celebrata venerdì sera in occasione della festa del Santo protettore dei giornalisti e operatori dei media, San Francesco di Sales, ha raccontato a cuore aperto la sua ultima missione in Camerun, da dove è ritornato mercoledì dopo circa dieci giorni di viaggio.

ECUMENISMO DI SANGUE

VOCAZIONE MISSIONARIA. “La nostra diocesi ha una vocazione missionaria: siamo presenti non solo in Africa ma anche in America Latina, Asia con quasi mille sacerdoti”. Una vocazione straordinaria che spesso si trova a dover operare in situazioni limite: “Nelle due missioni che ho visitato io (Tchére-Tchakidjébé e Loulou ndr) ci sono tre istituti di suore, dodici comunità. C’è una religione tradizionale che opera lì ma sono molto vicini al monoteismo e quindi accolgono con favore anche il cristianesimo che portiamo. Lo stesso vale per un certo tipo di islam. C’è poi invece l’islam integralista che minaccia anche il Camerun ora: il Paese ha mandato i soldati a fronteggiare l’avanzata dei guerriglieri”.

IMPORTANZA CRISTIANESIMO, DINAMICHE SOCIO-POLITICHE. Insomma una situazione non facile spiegata bene con la “paura dell’avanzata del cristianesimo”: in Africa la maggioranza degli abitanti è, infatti, di religione cristiana: “Cosa portiamo noi? Naturalmente viveri e poi scuole, strade…ma soprattutto portiamo il Vangelo”. Purtroppo i missionari non hanno il minimo peso politico per poter “cambiare” radicalmente le cose: “Non incidono per nulla negli aspetti socio-governativi: ad esempio nessuno lì può lavorare il cotone sebbene ne raccolgano in grande quantità: ma tutto va in Francia e poi al massimo viene ricomprato. La sensazione è che lì l’unico pensiero sia il presente: come sopravvivere giorno per giorno. I governanti sono al disopra, mentre il popolo resta sempre lì fermo, allo stesso livello”.

APPELLO DEL PAPA. E non a caso, forse, Papa Francesco nell’incontro delle scorse ore con il presidente francese Hollande ha auspicato in quei Paesi una convivenza pacifica attraverso il dialogo con tutte le componenti della società.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La “mia Africa” del vescovo: sopravvivenza e cristianesimo

VicenzaToday è in caricamento