Rissa per gelosia: giovane in ospedale per una bottiglia in testa

Un accesa discussione si è trasformata in un'aggressione. Un ragazzo, colpito da una bottiglia di birra, è finito in ospedale

Un'uscita tra amici si è trasformata in una rissa per motivi di gelosia. Il bilancio è di un ragazzo finito al pronto soccorso per una bottigliata in testa dove un diverbio con un suo coetaneo scaturito da aprezzamenti non graditi alla ragazza di quest'ultimo. Complice forse il troppo alcol bevuto, un giovane si è preso una bottigliata in testa ed è stato medicato al pronto soccorso con una prognosi di otto giorni.

L'episodio è avvenuto a Valdagno nella notte di venerdì vicino a Ponte dei Nori. Un gruppetto di giovani di età compresa tra i 18 e i 20 anni, residente a Recoaro, si è ritrovato nel parcheggio vicino al campo da calco di via Borga. La chiaccherata, iniziata tranquillamente, si è trasfrormata poco dopo in un diverbio acceso finito male. Secondo la ricostruzione dei carabinieri un giovane indiano avrebbe detto una parola di troppo nei confronti di una ragazza del gruppetto.

Il fidanzato della giovane è quindi intervenuto ed è iniziata una lite verbale, seguita da spintoni. A un certo punto l'indiano ha scagliato la bottiglia di birra che aveva in mano addosso all'altro ragazzo, colpendolo alla testa. Il giovane ha iniziato a sanguinare copiosamente mentre una parte del gruppetto, compreso l'agressore, è fuggito. Dopo poco  sul posto è arrivata un ambulanza del Suem e i carabinieri della vicina stazione che hanno identificato l'autore del gesto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • L'Emisfero apre i battenti alle Cattane, Cestaro: «Il nostro primo pensiero è stato ai dipendenti»

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

  • Coronavirus: cos'è il saturimetro e perchè potrebbe salvarti la vita

Torna su
VicenzaToday è in caricamento