Cronaca

Paga il bracciale prezioso con l'assegno di un defunto: la truffa vale 10mila euro

Un pregiudicato vicentino è stato denunciato per aver raggirato un padovano acquistando da quest'ultimo un monile di grande valore pagandolo con un assegno non incassabile

Salatissima truffa ai danni di un uomo di Villa Estense, ritrovatosi senza il bracciale che voleva vendere e impossibilitato a incassarne il pagamento.

Quello che sulle prime poteva apparire come un disguido risolvibile si è invece rivelato un autentico imbroglio, il cui responsabile è stato denunciato al termine di un'indagine condotta dai carabinieri di Monselice. Vittima è stato un 51enne di Villa Estense che nelle scorse settimane aveva intavolato una trattativa con un 46enne di Vicenza per vendere un bracciale in oro per 10mila euro. L'affare sembrava concluso, tanto che il vicentino ha fatto avere al venditore padovano un assegno con la cifra richiesta facendosi consegnare il gioiello. Quando il 51enne si è però rivolto alla sua banca per incassare il pagamento, si è visto negare il permesso.

L'assegno, si è poi scoperto, risultava collegato al conto corrente di una persona deceduta - che certamente non poteva averlo emesso - e dunque non poteva essere incassato. Una notizia che ha spinto il padovano a rivolgersi ai carabinieri, anche a fronte del fatto che il vicentino si era nel frattempo reso irreperibile. A inchiodarlo alle sue responsabilità è stata l'indagine che ha portato a formalizzare una denuncia per truffa nei confronti di D.R.A., già noto alle forze dell'ordine.

fonte: Padovaoggi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paga il bracciale prezioso con l'assegno di un defunto: la truffa vale 10mila euro

VicenzaToday è in caricamento