rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca Monticello Conte Otto

Truffa del "finto incidente", anziano fiuta l'inganno e smonta il piano

Grazie alle preziose raccomandazioni fornite dai carabinieri, una sventata truffa e una denuncia

Martedì scorso 14 marzo, dopo aver ricevuto una telefonata in cui l’interlocutrice si spacciava per la nipote bisognevole di cure costose, un 70enne di Monticello Conte Otto è riuscito a realizzare il “raggiro” in atto e ha troncato la conversazione impedendo la realizzazione della la truffa.

Nel contempo i carabinieri di Thiene, in questi ultimi giorni, hanno denunciato, un trentaseienne di origini campane, ritenuto responsabile di truffa, in concorso con un altro complice in via di identificazione, consumata in danno di una anziana signora, nel centro abitato di Calvene.

Nello specifico, era il 19 novembre scorso, quando i carabinieri hanno ricevuto la segnalazione sul numero di emergenza 112 da parte di una signora che aveva subito la truffa con il solito modus operandi del finto incidente stradale. Purtroppo il lasso di tempo trascorso dal momento della truffa alla conseguente segnalazione, non ha permesso di rintracciare immediatamente i malfattori quindi ai carabinieri non è rimasto che analizzare le migliaia di targhe registrate dai vari lettori installati sul territori comunali, setacciando tutte le targhe della auto di interesse investigativo transitate nei paraggi dell’abitazione fino a che non hanno individuato quella riferita ad un’autovettura Fiat 500 XL, di recente immatricolazione, presa a noleggio, risultata molto sospetta e di interesse investigativo, a bordo della quale, nei giorni precedenti, le forze dell’ordine avevano controllato dei soggetti, già gravati da precedenti di polizia per reati specifici commessi in altre località del nord Italia.

Nei loro confronti sono stati subito avviati tutti gli approfondimenti del caso fino a quando sono stati trovati tutti i riscontri investigativi che hanno permesso ai militari di identificare e poi denunciare uno degli autori del colpo messo a segno. Il soggetto è ritenuto responsabile di truffa aggravata in concorso per aver causato un danno patrimoniale alla vittima di circa tremila euro tra oro e contanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa del "finto incidente", anziano fiuta l'inganno e smonta il piano

VicenzaToday è in caricamento