rotate-mobile
Cronaca

Truffa delle finte Poste: 83mila euro finiscono in Uzbekistan

Un uomo della provincia di Vicenza aveva ricevuto un'eredita da 80mila euro che aveva depositato alle Poste. Una mail truffaldina lo invitava ad investirli e lui ha fornito i dati personali

Pensava di aver fatto un super-investimento ed invece si è ritrovato il contro prosciugato. Ora gli 83mila euro che aveva ricevuto in eredità sono in una cittadina dell'Uzbekistan o, ormai, chissà dove. 

Il protagonista della truffa, riportata da Il Giornale di Vicenza, è un vicentino di 51 anni che aveva depositato la cospicua somma in un fondo presso Poste Italiane. Al momento del rinnovo, gli era arrivata una e-mail, con il logo dell'ente, che gli proponeva un investimento più vantaggioso. Vista la tempistica, l'uomo non ha avuto dubbi sulla veridicità della lettera e non ha esitato ad inviare i suoi dati personali. 


Il sospetto nasce quando non arriva alcuna risposta di conferma. La vittima decide quindi di rivolgersi al locale ufficio postale dove scopre l'atroce verità: nessuno gli ha proposto un investimento. Con l'aiuto della polizia, scopre che il suo denaro si trova in Uzbekistan e sarà quindi molto difficile recuperare la somma. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa delle finte Poste: 83mila euro finiscono in Uzbekistan

VicenzaToday è in caricamento